Pubblicato da: scudieroJons | dicembre 29, 2016

Madre e figlia

“Ascolta” disse sua madre. E Helen udì il crepitio di un vecchio disco, poi degli archi.
“E’ un sestetto di Brahms” disse Lilian. “Suona Casals”.
Helen chiuse gli occhi, come faceva sempre sua madre quando ascoltava la musica. Il brano le sembrava familiare, forse uno dei preferiti di Lilian. Non c’era da stupirsi che a sua madre piacesse quel genere di musica. Helen sentì la dolcezza di perdere la via, di essersi totalmente, magnificamente perduti. Nessuno mi ha mai amata come Johnny, pensò. Nessuno mi ha mai guardata così, da capo a piedi, le mani, il viso, dentro gli occhi. Che musica ricca, senza peso, che musica piena. Cosa farò senza Johnny che mi guarda così? Senza Johnny da guardare? Senza Johnny?
“Ora ascolta il secondo movimento” disse Lilian.

“Louis Malle ha usato questa musica per Gli amanti. Ti ricordi, Helen? Ti ho portata a vederlo. Avevi più o meno l’età di Emily. Il tuo primo film straniero. Chissà che cosa ci hai capito”.
Helen si ricordava. Era con Jeanne Moreau. Jeanne Moreau dava un passaggio a un tizio rimasto in panne. Lo portava a casa sua: marito ricco, grande casa di campagna. Faceva l’amore con lui nel laghetto. Al buio. Lo baciava con le sue labbra da Jeanne Moreau.
Ora la musica sembrava quasi una marcia, una marcia solenne, cerimoniale, di passione e impazienza. Quando chiamiamo la passione amore? Quando è delicata e effimera? Quando è sacra? La musica proclamava che la passione è sacra. La musica lo esigeva. Helen si mise a piangere. Lilian, asciugandosi anche lei le lacrime, si alzò e spense. “Il resto del sestetto non è molto interessante” disse. “Ma quel secondo movimento!”
Nel film di Malle, la mattina dopo Jeanne Moreau parte con lo sconosciuto; si lascia alle spalle il marito e tutta la sua vita. Solo i francesi riescono a fare queste cose, pensò Helen. In quei loro film scombinati. Perché io non ci riesco? Ma lo voglio? Voglio lasciarla, la mia vita? La mia famiglia, mia figlia? Perché devo farlo? Perché ho una passione? Perché è ora di chiamare la passione amore?

da La lettera d’amore

di Cathleen Schine

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: