Pubblicato da: scudieroJons | settembre 8, 2016

Carlotta “Virginia” Corday

Appena un po’ fuori dalla luce dei riflettori che ha meravigliosamente illuminato la sceneggiata recitata da Raggi, Muraro, Di Maio e Grillo, si sta svolgendo il dramma di un personaggio che in Campidoglio c’era già, molto tempo prima di tutti gli altri, e che probabilmente ha messo a disposizione dei nuovi arrivati, digiuni e disorientati, le sue vaste competenze, in cambio della promessa di una posizione di rilievo.
Adesso però sembra che il sindaco Raggi abbia deciso di non mantenere la sua promessa, per le note difficoltà sopravvenute, e Raffaele Marra sarà costretto a spostarsi in un ruolo meno importante, anche se ugualmente ricco di prebende.
Però l’interessato non ha accettato di buon grado il declassamento, e nel lasciare l’ufficio ha dichiarato: “Prima o poi parlerò anch’io”.
E non si capisce perché non parli adesso.

marat1
In realtà si capisce benissimo: le minacce di rivelazioni compromettenti per qualcuno funzionano come un’arma potentissima che però ha un colpo solo. E una volta esploso non si può ricaricare. Perciò i segreti sugli intrallazzi al Comune di Roma non si devono rivelare: servono solo per ricavarne il massimo vantaggio possibile.
E’ un atteggiamento mafioso, che non si addice a un funzionario pubblico.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: