Pubblicato da: scudieroJons | settembre 5, 2015

EXPO segreto – 12

La visita di Reinhold Messner a Expo: “Aiutiamo il Nepal, non vivono senza turismo”
messner
E’ entusiasta di Expo, Reinhold Messner, il celebre alpinista italiano quasi 71enne ospite di uno degli sponsor dell’esposizione universale il 28 agosto 2015. “E’ bellissimo, l’impressione è ottima”, ha dichiarato: “L’Italia ha dimostrato di saper fare dando uno spirito nuovo non soltanto a Expo e a Milano ma a tutto il Paese, un qualcosa di più che prima forse non c’era”.
Messner è stato di recente in Pakistan, dove ha dovuto rinunciare a proseguire una missione a metà tra il televisivo e lo scientifico (sulle tracce di un orso particolare) per il pericolo dovuto alla presenza di talebani nel territorio. L’esploratore non ha mancato di visitare – tra gli altri – il padiglione del Nepal, Paese che lui conosce bene e che ha subìto un devastante terremoto. Su questo argomento si è soffermato, invitando ad aiutare il Nepal che ora ha a che fare con i disastrosi effetti del sisma ed è un Paese molto povero.

messner2
Il famoso alpinista, che è anche un irresistibile rubacuori, (è stato visto di recente mentre si accompagnava a una misteriosa dama velata) appena terminata la visita ha cercato di dileguarsi velocemente, ma è stato stretto da presso dalle domande insistenti dei cronisti e ha finito per rivelare la verità sulla sua missione in Himàlaia: “In realtà non stavo cercando un orso, ma volevo coronare l’unico sogno della mia vita che non avevo ancora realizzato: incontrare il fantomatico Yeti, l’abominevole uomo delle nevi.
Con i talebani non c’è stato alcun problema, dato che con parecchie migliaia di biglietti verdi garantiti dalla banca statale del Grande Satana mi hanno accordato il permesso di proseguire. Avevo molta fretta, perché sapevo che c’era anche un’altra spedizione che era sulle tracce dello Yeti, e questi altri erano armati di fucili. Dopo alcuni giorni di arrampicata eravamo arrivati, i miei sherpa ed io, ad un pianoro completamente coperto di neve e immerso in una fitta nebbia lattiginosa, e lì avevo cominciato a intravedere le tracce di piedi molto più grandi di un piede umano. Quella scoperta aveva terrorizzato i miei compagni, e quando sentimmo il rumore di una scarica di fucileria seguita da un lungo ululato, belluino e insieme gemebondo, gli sherpa fuggirono tutti, in preda al panico. Rimasi solo, in mezzo alla tormenta di neve, ma decisi di proseguire ugualmente.
Seguendo a fatica le tracce dello Yeti per alcune ore, arrivai ad un punto in cui le orme erano miste ad abbondanti fiotti di sangue, e finalmente, dopo un’estenuante percorso su una stretta cengia innevata, mi trovai davanti all’abominevole uomo delle nevi disteso bocconi nella neve. Un colosso di oltre due metri, coperto da un fitto pelo, con numerose ferite da arma da fuoco nella schiena, morto dissanguato. Affranto dal dolore per quella scoperta, rimasi alcuni minuti ad osservare quel corpo inanimato, e stavo per ritornare sui miei passi quando sentii alle mie spalle lo stridore di denti che venivano digrignati, assieme a un sordo ringhio agghiacciante.
Mi voltai e vidi a pochi passi da me un essere simile a quello che giaceva nella neve.
“Non afer paura! – gli dissi subito, – Non foglio farti del male.” Poi aggiunsi, per maggiore chiarezza: “Haben Sie keine Angst! Ich werde dir nicht wehtun”.
Quell’essere mi guardò a lungo, con occhi sbarrati, poi allargò le braccia come per ghermirmi, e intanto esclamava: “Sei proprio tu, Reinhold?! Da quanto tempo ti stavo aspettando! Ti vedevo passare quando facevi tutti gli ottomila, ma non ho mai avuto il coraggio di avvicinarmi. Ma adesso che ti ho ritrovato non ci lasceremo più. Rimarremo sempre insieme, formeremo una famiglia. Ripopoleremo questi monti con tanti piccoli abominevoli…”
“Ma… ma… non è possibile! – farfugliavo io, – io sono un uomo!”
“E io, – mentre proferiva queste parole mi stava stringendo sul suo enorme petto villoso, – e io sono l’abominevole donna delle nevi”.
E adesso vi prego, basta domande, ho fretta di tornare dalla mia dolce Yeteresa”.

Annunci

Responses

  1. Beh, lui, un po’ abominevole lo è, dai….

    • Sì, è vero, e questo fatto, unito al suo grande valore di sportivo e amico della natura e dei popoli, contribuisce ad aumentare la sua simpatia presso il pubblico e il suo successo con le donne.
      Ciao : )

      • non sapevo avesse pure successo con le donne…. non sapevo

  2. Non lo sapevo nemmeno io, ma il caso mi ha fornito una testimonianza diretta che almeno in un tempo passato c’è stato chi si è invaghito da lontano di Messner.
    Avevo commentato il post di un’amica che delineava la figura di un affascinante personaggio misterioso e io ho finto di vedere in quel ritratto il nostro Reinhold. Un’altra amica dell’autrice del post ha ritenuto plausibile questa ipotesi e ha scritto: Quanto al personaggio misterioso, se davvero di Messner si tratta, mi permetto di aggiungere due o tre cose da sua passata ammiratrice: di lui ricordo vecchie interviste nelle quali emergeva un atteggiamento di solitaria coltivazione della grandezza e del superamento del limite il cui risvolto pratico è stato- così credo- un’esistenza/relazione piuttosto dura per chi lo ha affiancato nella vita quotidiana.
    Non voglio smontarti un mito che ho “covato” anch’io e molto a lungo, ma certe scelte forti portano inevitabilmente a voler essere molto soli, e questo vale e ricade soprattutto sui compagni di vita di chi quelle scelte forti intraprende.
    Questa testimonianza mi induce a pensare che realmente Messner ha suscitato l’interesse delle donne.
    Ciao : )


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: