Pubblicato da: scudieroJons | giugno 21, 2015

Estate

E’ arrivata l’estate e Google le ha dedicato un disegno animato, uno dei suoi famosi doodle.

Doodle-estate-2015
I sei ghiaccioli che se ne stanno ritti sotto il sole, forse con lo sguardo fisso all’orizzonte, dove il mare è più blu, con il loro gocciolare inarrestabile rappresentano lo scorrere del tempo, la caducità dell’esistenza, l’inevitabile fine di tutte cose belle.

Ma che sta succedendo?

Perché il ghiacciolo numero 6 non gocciola come da regolamento come fanno i primi cinque? Qui si sta cercando di sovvertire le leggi naturali della termodinamica! C’è qualcuno che sente dentro di sé una tensione all’infinito e aspira a raggiunere l’immortalità, sfidando l’onta dell’immoralità.
Lo sanno tutti che i ghiaccioli di buoni costumi devono gocciolare. Esiste un’immensa letteratura sull’argomento, come testimonia la blogger veroniha88 che così si confessa ai suoi fans: “Arriva l’estate e per me vuol dire una parola sola, LIUK. Lo conoscete il Liuk? E’ il re dell’estate. Ne mangerei a vagonate, c’ha il limone che è il limone-ghiacciolo più buono di tutti i limoni-ghiacciolo che ho provato, e ha lo stecco di liquirizia, che a me non piace, ma son dettagli. Comunque è inutile che ci giro intorno, io i ghiaccioli non li so mangiare. Mi gocciola tutto sulle mani, che diventano appiccicosissime e questo, se sono sulla spiaggia per esempio, vuol dire SABBIA CHE SI ATTACCA AUTOMATICA. E poi arrivo a un certo punto e le leggi della fisica l’hanno sempre vinta su di me, tento di anticiparle, di essere più veloce e più precisa, ma succede sempre che a un certo punto PLOF, mi cade l’ultimo pezzo del ghiacciolo e rimane solo lo stecco di liquirizia. Capite che intendo? solo lo stecco di liquirizia fasulla! Che amarezza grossa”.
Ma finalmente qualcuno è venuto in soccorso di questa e di milioni di altre vittime della goccia appiccicosa:  Non si scioglie e non sgocciola: è il nuovo ghiacciolo che arriva dall’ Inghilterra che, – scriveva nel 2003 il quotidiano “Daily Mail” – sarà messo in vendita tra qualche giorno da una catena di supermercati britannici, la Iceland, che ha ideato e sviluppato la speciale miscela. I ghiaccioli Iceland non sgocciolano né si sciolgono: sotto i raggi del sole il ghiaccio si trasforma in una gelatina dallo stesso sapore del gusto del ghiacciolo. I ghiaccioli, che costeranno circa due euro, avrebbero raccolto già convinti consensi dai primi assaggiatori. «I nostri clienti – spiega Calum Kirk, manager dei supermercati Iceland – ci hanno sempre confermato di amare i ghiaccioli ma, soprattutto per i bambini, lo sgocciolamento è sempre stato un problema. Così abbiamo pensato di offrire questo prodotto per trovare una soluzione contro le dita appiccicose. Il nuovo ghiacciolo è anche più facilmente conservabile e trasportabile».

Ecco risolto il mistero del ghiacciolo che non gocciola. Ma questo può prefigurare l’insorgere di un problema ancora più drammatico.

Questo novello Prometeo, che dopo averci donato il fuoco tanto tempo fa, oggi ci dona il freddo inestinguibile, non avrà osato troppo? Se dovessimo venire a sapere che questo benefattore del genere umano è stato di nuovo incatenato al Caucaso da un dio irato, oggi che non disponiamo di un altro Ercole saremmo moralmente tenuti a partire subito per andarlo a liberare.

Ma siamo realmente pronti?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: