Pubblicato da: scudieroJons | maggio 9, 2014

Dialogo tra un filosofo cinico e una filosofa aspirante pensionata

da un’idea di Luciano di Samosata

philo

Menippo: M’han detto che tu, o Jone, benché sia professoressa preclara e potresti continuare a insegnare per molti anni ancora, desideri andare in pensione.
Jone: T’han detto il vero, o Menippo: vorrei andare in pensione, come vedi, pur potendo continuare a insegnare.
Menippo: E che bene speri di trovare nel pensionamento, nel quale molti trovano tanto male?
Jone: Lo dico a te che non sei sciocco. Io non ho più piacere a dedicarmi all’insegnamento.
Menippo: Non hai piacere a recarti a scuola e alimentare la lucerna del sapere?
Jone: No, o Menippo. Per me il piacere sta nel vario e nel diverso: io invece vivo e rivivo sempre le stesse cose, lo studio, la lezione, il collegio dei docenti; le ore, i giorni, i quadrimestri, tutte le cose l’una dopo l’altra con lo stesso ordine e modo. Mo’ abbasta! Me so’ stufata: perchè il piacere sta non nell’aver sempre lo stesso, ma nel variare.
Menippo: Dici bene, o Jone: ma, e come ti troverai dopo, nello stato di pensionata, dove aneli di andare?
Jone: Non male, spero, o Menippo: come pensionata non avrei bisogno né di fare le interrogazioni né i collegi dei docenti, come a scuola, e sarò libera da tutte queste noie. Avrei tutto il tempo per me, per leggere, viaggiare, girare il mondo, visitare mostre, organizzare congressi…
Menippo: Intendi dire che come pensionata ti dedicheresti all’organizzazione di dottissimi congressi accademici per incontrare vecchi cattedratici, onusti di sapienza, che hanno scritto ciascuno decine di libri di filosofia?
Jone: Per la verità avrei pensato di organizzare travolgenti congressi carnali con giovani nativi di paesi esotici, onusti solo di muscoli e che non abbiano mai visto nemmeno da lontano un libro di filosofia.
Menippo: Ma vedi, o Jone, che tu ti contraddici, e le tue parole stanno contro di te.
Jone: E come?
Menippo: Se tu t’annoi della scuola perchè c’è sempre lo stesso, t’annoierai anche da pensionata dove c’è anche sempre lo stesso; e dovrai cercare un mutamento anche da questa in un’altra vita: il che penso sia impossibile.
Jone: E che dunque potrei fare, o Menippo?
Menippo: Dicono che chi ha senno sa contentarsi del presente, accomodarvisi, e sopportar tutto con pazienza.
Jone: Ah, sì? E chi è, o Menippo, che dispensa queste perle di saggezza?
Menippo: In particolare lo dice una barba di filosofo che si fa chiamare scudiero Jons.
Jone: Ma, o Menippo, questo scudiero Jons, ce l’hanno mai mandato? No? Allora ce lo mando io!

Annunci

Responses

  1. O Menippo , dici che m’annoierei a quei cotali congressi???

    • Menippo esercita la satira per professione ma lo sa bene che certi congressi non annoiano mai.
      Ciao : )

  2. Alla pensione non oso nemmeno pensarci… ma ai congressi…

    • Certo, ai congressi bisogna pensarci, molto più intensamente che alla pensione.
      Ciao : )

      • Sì….se avviene il contrario c’è da preoccuparsi molto, vero?

  3. Credo di no: se il raggiungimento della pensione è finalizzato all’incremento dei congressi allora pensarci è gratificante, non preoccupante.
    Ciao : )


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: