Pubblicato da: scudieroJons | maggio 6, 2014

Pazienza e dissimulazione

Al termine del suo trattato Della dissimulazione onesta, Torquato Accetto si rivolge alla sua musa per ringraziarla, e mentre si accinge a farlo finge di avvedersi solo in quel momento, e lo dichiara non senza un pizzico di ironico autocompiacimento, che se lo facesse, esternando sinceramente i suoi veri sentimenti, la offenderebbe, perché verrebbe meno all’osservanza dei suoi precetti.

Avendo affermato che in questa vita non sempre si ha da esser di cuor trasparente, mi par bene di conchiuder con affettuoso rivolgimento alla dissimulazione stessa.
O virtú, che sei il decoro di tutte l’altre virtú, le quali allora son piú belle quando in qualche modo son dissimulate, prendendo l’onestà del tuo velo, per non far vana pompa di se medesime; o rifugio de’ difetti, che nel tuo seno si sogliono nascondere; tu alle fortune grandi sei di gran servigio, per sostenerle, ed alle picciole porgi la mano, perché in tutto non si veggano andar per terra. Nel buono e nel mal tempo bisognano le tue vesti, e nella notte non meno che nel giorno, e non piú fuori che in casa. Io non ti conobbi per tempo, ed a poco a poco ho appreso che in effetto non sei altro che arte di pazienzia, che insegna cosí di non ingannare come di non essere ingannato. Il non creder a tutte le promesse, il non nudrire tutte le speranze, son le cose che ti producono. Le porpore nel meglio del lor vermiglio sogliono ricorrere al nero del tuo manto; le corone d’oro non han luce, che talora non abbia bisogno delle tue tenebre. Gli scettri che spesse volte non si portano dalla tua mano, facilmente vacillano; e ‘l folgore delle spade, se non si serve di alcuna tua nube, riluce invano. La prudenza tra ogni suo sforzo non ha miglior cosa di te; e, benché di molte altre si mostri ornata, a tempo sa goder del tuo silenzio piú che di ogni altro effetto delle sue industrie. Misero il mondo, se tu non soccorressi i miseri. A te appartiene di usar molti uffici nell’ordinar le republiche, nell’amministrar la guerra e nel conservar la pace; e dall’altra parte si veggono quanti disordini, quante perdite e quante rovine son succedute quando sei stata posta in abbandono, e s’è dato luogo a manifesti furori, da che son seguíti quegl’infortuni, che tante volte hanno diturpate le provincie intiere. Quando un, che doverebbe perire di fame, ha fortuna di poter dar il cibo a molti, quando un ignorante è riputato dotto da chi sa meno di lui, quando un indegno ha qualche degnità e quando un vile si tiene per nobile, come si potrebbe vivere se tu non accommodassi i sensi a cosí duri oggetti? Vorrei che mi fosse permesso di manifestare tutto l’obligo che ho a’ benefici che mi hai fatti; ma invece di renderti grazie offenderei le tue leggi non dissimulando quanto per ragione ho dissimulato.


eugenio
Le arti della pazienza e della dissimulazione sono una componente indispensabile della personalità di ogni grande condottiero, come fu Eugenio di Savoia Soissons, uno degli ultimi grandi capitani di ventura italiani, a cui è dedicata la marcia militare del video. E poiché gli scacchi sono un’allegoria della guerra, queste virtù non possono mancare tra le doti di un buon giocatore. Le partite che si concludono con uno scacco matto spettacolare, alla fine di una serie di attacchi e contrattacchi ingegnosi e inprevedibili, sono quelle che rimangono meglio impresse nella mente e nel cuore degli appassionati, ma sono anche molto rare. Specialmente quando i due giocatori si equivalgono e possiedono tutti e due la stessa indole aliena dal commettere imprudenze e lo stesso fiuto per i tranelli, diventa impossibile giocare una partita brillante e movimentata. Tutto si risolve in un estenuante esercizio della pazienza, in cui si provano e riprovano attacchi e difese, sempre dissimulando le vere intenzioni, fino a quando nelle mura della fortezza più guarnita si scorge la porticina lasciata incustodita per negligenza. Di Maometto II, il conquistatore di Costantinopoli, si ricorda principalmente l’impresa compiuta; passano in secondo piano gli innumerevoli tentativi falliti e il lungo tempo impiegato.

Annunci

Responses

  1. L’ha ribloggato su L'arme, gli amori.

  2. Bel post, mi piace! 🙂


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: