Pubblicato da: scudieroJons | agosto 6, 2012

Destinazione ignota

Gentilissima Signora Scannapieco,

Cara Carmelina,

sto andando all’aeroporto per un caso di emergenza. Un mio vecchio amico, che non vedo da molti anni, mi ha inviato un messaggio convenzionale che è un segnale di pericolo. Non ha avuto il tempo di aggiungere un testo o forse il testo c’era ed è stato distrutto dai suoi nemici nel tentativo di decifrarlo. C’è solo questa foto, che è un collage di molti scatti, che mi può dire da dove mi ha spedito il messaggio. Come puoi vedere c’è la statua in bronzo di una giovane donna che forse rappresenta una dea.

(cliccare sulla foto per ingrandirla)

La cosa curiosa è che questa statua cambia continuamente posizione. Un momento prima si trovava in una grande città, circondata da grattacieli, e subito dopo la troviamo o in una cittadina di provincia o anche fuori città. In una foto addirittura la vediamo che ha abbandonato l’arco e ha cambiato basamento, mettendosi alla testa di una squadra di cercatori di petrolio. Sono certo che è sempre la stessa donna. L’ho guardata con grande attenzione e io non dimentico mai un volto.

Per guadagnare tempo ho deciso di partire subito, sperando che nel momento in cui sarò in aeroporto tu avrai scoperto il paese indicato dalla  foto e se possibile il nome della donna ritratta nella statua.

Grazie per l’aiuto che saprai darmi.

Tuo affessionatissimo Jons

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

AGGIORNAMENTO del 08-8-12.

Mentre stavo per arrivare all’aeroporto mi è arrivato il messaggio di Carmelina che diceva: “Caro affesszionatissimo Jons, devi andare a Città del Messico. Ti raggiungerò con il volo sucessivo. Ti allego l’esito delle ricerche.

La Fuente de la Diana Cazadora (originariamente chiamata La flechadora de las estrellas del norte) è un monumento situato nel Paseo de la Reforma in Città del Méssico. La sua costruzione iniziò nel 1938, su disegno dell’architetto Vicente Mendiola Quezada. La statua, che rappresenta Diana, dea della caccia, è opera dello scultore Juan Fernando Olaguìbel. Fu inaugurata il 10 ottobre 1942 e subito iniziarono le polemiche.
L’anno dopo la Lega del buoncostume ottenne che fossero applicati indumenti di stoffa sulla statua, e successivamente l’autore applicò un costume in bronzo, fissato solo con tre punti di saldatura, in modo che potesse essere tolto in tempi migliori.
Questi tempi giunsero nel 1968, in occasione delle Olimpiadi, e un grande movimento di opinione pubblica spinse le autorità a ordinare la rimozione del vestito. Nonostante le precauzioni prese, questa operazione danneggiò la statua, e si decise, a fronte di una problematica riparazione, di procedere a un nuovo getto del bronzo e perciò la statua che oggi si trova in Paseo de la Reforma è la copia di quella originale. La statua originale fu venduta, per evitarne la distruzione, al capo del governo dell’epoca, che in seguito la donò alla sua regione di provenienza. Per questo motivo la statua originale si trova oggi a Ixmiquilpan, su un basamento-fontana simile a quello originale. Nel tempo questo monumento è entrato nel numero delle icone più rappresentative dell’arte messicana, anche come simbolo del cambiamento di mentalità che c’è stato, e altre città messicane hanno voluto erigere una copia della statua.
Oggi la Diana Cazadora si trova in queste città:

Acapulco, Guerrero
Chihuahua, Chihuahua
Ciudad Juárez, Chihuahua
Ixmiquilpan, Hidalgo (l’originale)
Ixtapan de la Sal, Estado de México
México, Distrito Federal:
Glorieta de Río Misisipi y Paseo de la Reforma
Génova y Hamburgo, Zona Rosa
Monterrey, Nuevo León
Tijuana, Baja California
Tlalnepantla de Baz, Estado de México
Tuxtla Gutiérrez, Chiapas
Villa de Álvarez, Colima
Villahermosa, Tabasco

A Città del Messico c’è una seconda statua, con una targa, eretta per celebrare la donna che posò come modella, e il cui nome rimase a lungo segreto.
E’ la signora  Helvia Martínez Verdayes, oggi vedova di Jorge Díaz Serrano, che a quel tempo lavorava come segretaria per una compagnia petrolifera. La signora Helvia non chiese alcun compenso, e pretese soltanto l’anonimato, per evitare lo scandalo.

(continua)

Annunci

Responses

  1. Città del Messico (?)..
    (poi peerò ti spiego come ci sono arrivata 😉

    • Sì, è proprio Città del Messico. Sei stata bravissima! Grazie per la risposta, che mi permette di pubblicare la soluzione con un aggiornamento al post.
      Ciao : )


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: