Pubblicato da: scudieroJons | febbraio 7, 2012

Lassammo f ‘ a Dio…

Lassammo f ‘ a Dio…
(di Salvatore Di Giacomo)

‘A dummeneca ‘e Pasca
d’ ‘o mille e noveciento, ‘o Pateterno
(ca s’è susuto sempe ‘int’ e primm’ore)
di buonissimo umore
se scetaie mmerz’ ‘e sette,
fece chiammà san Pietro e lle dicette:
– Pie’, siente, stammatina
è na bella iurnata
e ll’ aria è fina fina:
vurria fa na scappata
‘n Terra… Che te ne pare?
– Mah! – dicette san Pietro -(santo napulitano e,
mparaviso,
capo guardapurtone)
-Mah… Lei siete il padrone!
Vulite vedè ‘a Terra? E fate pure…
Però…. vedete… francamente, ‘a Terra
è nu poco afflittiva.
V’avesse disgustà?…
– Ma che! Che dici!
Su, vèstiti! Scendiamo…
Dove ci fermeremo? Dove andiamo?…
Napoli!… Che ti pare?
– Eh! Sissignore:
se dice: Vide Napule e po’ muore!
E senza perder tempo, llà ppe llà,
San Pietro se vestette comilfò:
nu pantalone inglese a quadrigliè,
nu gilè (comm’ ‘o pòrteno ‘e cocò)
tutto piselli verdi in campo blu,
cappiello a tubbo, cravatta a rabà,
scicco stiffelio di color rapè,
e un piccolo bastone di bambù.
-Sto bene? -Elegantone!…
Andiamo dunque! – E ghiammo…
Quanto mme piglio ‘e guante… –
Ed in un batterdocchio eccoli a Napoli,
in mezzo piazza Dante.
‘O Patre Eterno vutaie li’ uocchie attuorno,
scanzaie nu tramme, se mettette ‘a lente,
e proprio come un semprice murtale,
(ma però con accendo forastiero)
dice: – Sai, caro, ma l’ è mica male
questa vostra città! Mi fa piacere
assai di rivederla:
ci mancavo dal secolo passato…
Ma proprio ha molto, molto migliorato!
La statua qui davante
cosa l’ è? L’ Aligherio?…
– No – dicette san Pietro – Questo è Dante.
Grand’ uomo… E questa sulla mano destra
è la famosa chiesa ‘e San Michele:
quello è il Liceo Vittorio Emmanuele:
più sopra c’ è il Museo. Questo, rimpetto,
è il caffè di Diodati.
Ce vulimmo assettà diece minute?
– Entriamo pure -. E ‘o Signore trasette
in quelle belle sale ornamentate,
e san Pietro dicette al cammariere:
– Favorite due mezze limonate.
Erano ‘e ddiece e mmezza
e ‘a iurnata era bella. A mille a mille
passiaveno ‘e ggente
pe mmiez’ ‘a strata e ncopp’ ‘e marciappiede;
e vedive mmiscate
femmene, uommene, grosse e piccirille
nutricce, serve, prìevete e surdate
Oh, qual vista gentile!
(dicette ‘o Pateterno
pusanno o’ cucchiarino).
Ma com’ è che si dice,
caro quel mio Pierino,
che la Terra è infelice?
Ma guarda, guarda un po’ che movimento,
che scena pittoresca e che allegria!
Via, son proprio contento…
Be’?… Pietro?… E parla, vecchio brontolone!
Non sei della mia stessa opinione?
Sì – rispunnette ‘o viecchio, – e opera vosta
è certamente tutta chesta ccà:
certo: chi ‘o ppo’ negà?
Però… Vi siete presa ‘a limunata?…
-Sì, ho finito… – Embè, usciamo.
Signori, a tutti!… – Buona passeggiata!
-Dunque dicevi? – E c’ aggia di’?… Guardate!
Tenite mente attuorno… Che bedite?
Che ve pare?… Dicite.
Dio guardaie – spaventato. Mmiez’ ‘a strata,
stuorte, struppie, cecate, giuvene e bichicchiarielle,
guagliune senza scarpe,
vicchiarelle appuiate a ‘e bastuncielle,
scartellate, malate,
e ciert’ uocchie arrussute
chine ‘e lacreme – e mane
secche, aperte, stennute…
-‘A carità!…
Sta voce
e voce a centenara
sentette, ‘a tutte parte,
disperate, strellà:
e quase lle parette
dint’ a n’ eco e ‘a luntano,
sentì ‘o stesso lamiento….
– ‘A carità…
Cu na resella amara,
e allisciannose ‘a barba a franciscana,
San Pietro suspiraie: -Nun c’è che fa’!…
Mo nu’ ve frasturnate, sentite a me:
mo iammuncenno ‘a ccà:
piuttosto quando siamo in Paraviso
se pe riparlerà…
-Come?… Non ho capito… –
‘O Patre Eterno
capuzziava, parlava isso sulo,
teneva mente in aria… Tutto nzieme
fece segno c’ ‘a mano. E nu lenzulo
scendette sulla Terra lentamente,
lo stendettero a terra in piazza Dante
nu centenaro d’ angele
tutte vestute ‘e velo
nce ammuntunaino, dinto, ‘e puverielle,
e s’ ‘e purtaino ‘ncielo…
Figurateve nu poco
sta mappata ca pe ll’ aria
ogne tanto s’ abbuffava,
se sbuffava – e viaggiava
ncopp’ ‘o viento – chiena ‘e strille,
chiena ‘e ggente – Cchiù de mille!
Figurateve nu poco che nzalata e c’ ammuina!
Chi chiagneva, chi rereva,
chi alluccava: « I’ mo mm’ affoco! »
Chi cantava – chi chiammava:
-Neh, Totò!… – Peppì!… -Giova’!…
Donn’ Aniè! – Don Ferdinà…
-Mo addo’ iammo?…- E ba ‘nce o spia!…
-Chi s’ ‘a fatta ‘a pippa mia?…
-Prufesso’!… -Pronto… – Addo’ state?
-Sto cchiù ncoppa… – A voi! Sapete,
abbarate addo’ sputate…
-Ma che ghiammo ‘int’ ‘o pallone?…
-Pe’, tenisse nu muzzone?…
-Bu! bu! bu!… -Chi è?.. Passa llà!…
-Nun buttà!… -Sode cu ‘e mmane!
-Neh, chiammateve a stu cane… »
Appena miso pede mparaviso
ll’ angele mmiez’ a ll’ erba ‘e na vallata
se fermaino mparanza
e pusaino ‘a mappata,
ca pe dduie tre minute se muvette,
ruciuliaie pe terra e, tutto nzieme,
s’ arapette essa stessa. E se sentette
‘a voce ‘e n’ ommo ca diceva a l’ ate:
– Uscite, miei signo’, simmo arrivate!…
Mmiez’ a nu scampagnato, addo’ nasceva
vicino ‘a viuletta ‘a margarita,
ncopp’ all’ èvera corta, ca luceva
comm’ ‘o velluto nfuso,
quatto tavule, pronte
e apparicchiate all’ uso
d’ ‘e meglie risturà,
pareva ca dicessero: – Venite!
Favurite a mangià!… –
E che ce steva esposto! ‘A meglia carne,
‘o meglio pesce, ‘e frutte cchiù assurtite,
cchiù gentile e cchiù ffine:
‘a mela, ‘a pera, ‘o fenucchiello, ‘a fava,
‘a nanassa, ‘o mellone,
ll’ uva, ‘e nnoce, ‘e bbanane, ‘e mandarine,
e tutto ‘o bbene ‘e Dio fore staggione.
Vine paisane, e vine mbuttigliate
col sùvero d’ argento e l’ etichetta,
liquori delle frabbiche premiate,
curassò, strega, cùmmel e anisetta:
e in mezzo a questi (pe fa na surpresa
a quacche puveriello furastiero)
preffino il vischisodo a marca inglesa!
Avite ntiso maie
Miseria e nubiltà?
Ve ricurdate quanno Sciosciammocca
e chill’ ati stracciune,
con l’ acquolina in bocca
guardano ncopp’ ‘a tavula ‘e mangià
chella bella zuppiera ‘e maccarune?
Non vi dico altro. Pe quase mez’ora
Ato nun se sentette
(mmiez’a tutta sta gente
ca mangiava, bbeveva,
e sciglieva a piacere)
ca ‘o ru mmore d’ ‘e piatte e d ‘ ‘e furchette
e ‘o drì ndrì d’ ‘e buttiglie e d’ ‘e bicchiere…
E all’urdemo d’ ‘o pranzo
(nu poco fatto a vino)
s’aizaie nu cecato
‘e na trentina d’anne.
Doie tre vote tussette,
s’ adderezzaie, sputaie, fece n’inchino,
e stu brinnese, a voce auta, facette:
Cumpagne e care amice! Premmettete
c’ ‘a stu bello signore,
ca nce ha fatto l’ onore
‘e ce mmita’ cca’ ncoppa
a bèvere e a mangià,
io gli rivolgio nella sua presenza,
come attestato di ricanoscenza,
quatto parole p’ ‘o ringrazià!
Grazie, grazie, signo’ ! … Grazie! Vv’ ‘o dico
a nomme ‘e tutte chiste sfurtunate,
ca se so’ saziate,
e ca p’ ‘a primma vota,
senza stennere ‘a mano,
mmiez a ll’ aria addurosa ‘e stu ciardino
hanno pruvato ‘o broro, ‘a carne, o vino!…
Ccellenza! ‘E cumpatite sti pparole,
ca so’ napulitane
e nun so’ ttaliane
comme ve mmeretate!
Io nun aggio pututo sturià!
Nun me pozzo applicà!…
Guardate!… Io nun ce veco! ‘A che so’ nnato
io nun beco a nnisciuno!…
So’ cecato, guardate… So’ cecato!
Ccellenza, e che piatà!… –
‘A voce lle mancaie. Chiagneva…
‘A mano ca teneva ‘o bicchiere
s’ acalaie chiano chiano
e ‘o pusaie ncopp’ ‘a tavula. Isso stesso
comme si ‘o vino ‘o fosse risturbato,
se chiecaie lentamente int’ ‘e ddenocchie,
e, cadenno assettato e abbandunato,
fissaie dint’ ‘o bbacante ‘o gghianco ‘e ll’uocchie…
-Oi Suonno, Suonno!…
Suonno, ca te ne parte ‘a ll’ uriente,
e nun t’ abbence prencepe o rignante,
oi Suonno, e vienetenne lentamente,
e, mponta ‘e pede, férmete ccà nnante…
E, si si’ piatuso e si’ putente,
stienne sta mano, e adduorme a tuttuquante…
Vienece, Suonno!…
Te manna San Giuseppe ‘a Bettalemme,
e, sotto ‘a porta, chi te mmosta a via
cu nu ramo ‘e viole, è ‘a Vergene Maria…
(E chi te chiamma ccà, Suonno, tu ‘o ssaie,
so’ chille ca cuntente
nun se scetano maie…).
Vienece Suonno!
tu nchiudele ll’ uocchie doce doce,
comm’ ‘e nchiudiste a Giesù Cristo ncroce…)
‘O Suonno s’ accustaie… Ma n’ ombra nera
lle cammenava appriesso,
n’ ombra longa e liggiera,
– c’ appena isso ‘a vedette e se fermaie
s’ acalaie, ll’ afferraie,
s’ ‘o strignette int’ ‘e bbracce forte forte
e, cu nu filo ‘e voce, lle dicette: « Vattenne!
Famme passà. So’ ‘a Morte… »
-E mo che dice?… – dicette a San Pietro
‘o Patre Eterno – Guarda!
Nun è meglio accussì? Tutta sta gente,
turmentata e nnucente
ncopp’ ‘a Terra che turnava a fa?
Doppo n’ ora felice c’ ha passata,
guarda, è passata ‘int’ ‘a l’ eternità…
-Là!… Guardate!… Là… là!… -c’ a mano stesa
e trattenenno ‘o sciato,
san Pietro lle mmustaie ca quaccheduno
ch’ era rummaso aizato
mo se vutava attuorno – e se muveva…
-Là!… Na femmena!…
E chella,
comme fosse mpazzuta,
cammenava, curreva,
nciampecava e cadeva,
e s’alzava… E fuieva…
Chiammatela! Addo’ va?!…
-Zitto… – dicette ‘o Padre Eterno -Zitto…
Lass’ ‘a fa’… lassa ‘a fa’…
Cade ‘a cielo, ‘a mammarella,
puverella, puverella…
Curreva, fuieva
pe nnanz’ ‘e cumpagne passanno,
(ca nun se muvevano cchiù)
sperduta, – abbeluta,
chiagnenno, tremmanno,
mpauruta, sbattuta,
curreva, curreva ‘int’ all’ ombre
e dint’ ‘o silenzio d’ ‘a sera,
Nannina ‘a pezzente…
E, senza sapè cchiù addo ieva
curreva, curreva…
Nfi’ a che – tutto nzième –
Uh Dio!… se sentette
manca’ sott’ ‘e piede ‘o tterreno.
E ‘a cielo cadette…
Scinne, scinne, puverella
ca – ‘int’ ‘a notte chiena ‘e stelle –
na palomma e notte pare
cu nu triemmolo ‘int’ ‘e scelle..
Scinne nterra, palummella,
passa ‘e monte, passa ‘o mare,
vola, sciulia, scinne… Va,
ll’ aria è ‘a toia. Te porta ‘o viento
si te stracque e t’ abbandune
Quanta miglie staie facenno?
Nu minuto e nne faie ciento –
e quant’ ate, p’ arrivà!…
Ma mo luceno, ‘a luntano,
luce luce a mmeliune…
E so’ lume… E ‘a luna, ‘a luna
già fa ‘o mare nnargentà…
Scinne – scinne… Si’ arrivata…
Guarda… ‘A ‘i’llà… Napule! ‘A ‘i’llà!…
Mammarè, ringrazia Dio…
Nanninella ‘a pezzente
guardaie ccà, guardaie llà, s’ urizzuntaie,
e truvaie finalmente
‘a via d’ ‘a casa soia.
Sunava ll’ una
a Sant’ Eliggio. E dint’ ‘o vico scuro
sciuliava ncopp’ ‘o muro
nu raggio ‘e luna.
– Ninno!
Ninno!
Sto ccà!… Mamma è turnata!… –
E ‘a porta, mez’ aperta e meza nchiusa,
‘e nu vascio vuttaie cu na spallata.
Trasette ‘e furia. Currette addò steva
nu piccerillo dint’ a nu spurtone…
s’ acalaie… Chillo povero guaglione,
c’ appena appena teneva nu mese,
sennuzziava, cu ‘e manelle stese…
Lassammo fa’ Dio…
Nanninella ‘a pezzente
ll’ arravugliaie dint’ a nu sciallo viecchio,
s’ ‘o pigliaie mbraccia – s’ ‘o strignette mpietto,
e dint’ ‘o chiaro ‘e luna,
e asciuttannose ll’ uocchie a ‘o mantesino,
lle dette latte e – s’ ‘addurmette nzino…

Annunci

Responses

  1. Splendida !!! Ma dove l’hai trovata ? Sei davvero un grande!

    • Grazie, sei molto gentile.
      Ho conosciuto questa poesia di Di Giacomo molti anni fa, a scuola, per merito della maestra, che portava i 78 giri da farci ascoltare. Naturalmente oggi la leggo con occhi diversi: per me è diventata il simbolo dell’amore materno che non si piega alle avversità e non si lascia lusingare dalle comodità.
      Ciao : )

  2. una meraviglia! per ora l’ho solo letta immaginando come l’avrebbe recitata Eduardo.. grazie Jons

  3. Eh, le maestre!!! Ne so qualcosa!!! Comunque l’ho girata in fb, spero che non ti dispiaccia !

    • Sì, può andare bene anche per facebook.
      Ciao : )


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: