Pubblicato da: scudieroJons | dicembre 12, 2010

The Sorceress

Alcune arie musicali tratte da opere di George Frideric Handel sono state assemblate per comporre una breve operina per la voce di Kiri Te Kanawa.
La grande interprete è di volta in volta Alcina, Armida, Melissa, tre grandi maghe delle favole.
Ne è nato un autentico concentrato di strega.

Tu la mia stella sei,
amabile speranza,
e porgi ai desir’ miei
un grato e bel piacer.
Qual sia di questo core
la stabile costanza,
e quanto possa amore,
s’ha in breve da veder.

V’adoro, pupille,
saette d’amore,
le vostre faville
son grate nel sen.
Pietose vi brama
il mesto mio core,
ch’ogn’ora vi chiama
l’amato suo ben.

Bel piacere è godere,
È godere fido amor!
Questo fà contento il core.
Di bellezza non s’apprezza lo splendor;
Se non vien d’un fido core.

Mi deride l’amante,
la rivale mi sprezza:
ed io lo soffrò, oh stelle?
No, non sarà già mai
ch’ io perda il mio vigor fra pene e guai.

Desterò dall’ empia Dite
ogni furia a farvi guerra,
crudi, perfidi, sì, sì!
Ombre tetre omai sortite
dall’ avello che vi serra
a dar pene a colui che mi schernì.


Ah! Ruggiero crudel, tu non mi amasti!
Ah! che fingesti amor, e m’ingannasti!
E pur ti adora ancor, fido mio core.
Ah! Ruggiero crudel, sei traditore!
Del pallido Acheronte
spiriti abitatori, e della notte
ministri di vendetta
cieche figlie crudeli, a me venite!
Secondate i miei voti,
perché Ruggiero amato
non fugga da me ingrato.

Ma, ohimè! misera! e quale
insolita tardanza? eh! non m’udite?

Vi cerco, e v’ascondete?
Vi comando, e tacete?

Evvi inganno? evvi frode?
La mia verga fatal non ha possanza?
Vinta, delusa Alcina, e che t’avvanza?

Ombre pallide, lo so, m’udite,
d’intorno errate, e vi celate,
sorde da me: perché, perché?
Fugge il mio bene; voi lo fermate,
deh! per pietate
se in questa verga, ch’ora disprezzo
e voglio frangere, forza non è.

Piangerò la sorte mia,
sì crudele e tanto ria
finchè vita in petto avrò.
Ma poi morta, d’ogni intorno
il tiranno notte e giorno,
fatta spettro, agiterò.

Dal Giulio Cesare:
Tu la mia stella sei
V’adoro, pupille
Piangerò la sorte mia

Da Agrippina:
Bel piacere è godere

Da Amadigi di Gaula:
Mi deride l’amante

Da Alcina:
Ah! Ruggiero crudel, tu non mi amasti!

Annunci

Responses

  1. grazie per questa delizioso mosaico!
    Jonuzza


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: