Pubblicato da: scudieroJons | novembre 28, 2010

Marimb’amata, Marimb’ambita…

La Traviata

di G. Verdi, libretto di F. M. Piave

Ridussion in dialèto da parte de Andrea Fasoli
“Traviata a Venessia”

Personaggi:
Violèta Valeri..
Flora Bervoics
Annina
Alfredo Germonte
Giorgio Germonte
Gastone, Visconte de Letorieres
( madona che nomi…)
Barone Dupalle
Marchese Dobignè
Dottor Grenvilio
Giuseppe
( l’unico co un nome normale…)
Domestico de Flora
Commissionario
( ma non so se ghe fasso far qualcosa… magari el tase…)

Atto primo….

In casa de Violèta. Una tavola imbandita, con ogni ben de Dio, nel meso del salòto. Violèta sentada sulla ‘tomana la ciacola col Dotor e cò altri amici. Altra gente va a acogliere il Barone Dupalle che el sta entrando cò Flora sotobraccio al Marchese Dobignè….

Uni : Xera ora che rivaste… gavemo quasi finìo de magnare…
Altri : Xerimo da Flora, e cò se gioca a briscola da ela, el tempo passa veloce.
Violèta : Varda chi ghe xe… Flora, Marchese, Barone… La notte la xe ancora giovane… Ghe xe tempo per divertirse ancora… fin che ghe xe Champagne…
Flora e Marchese : E voi, ve divertì?
Violèta : No me fasso mancar niente… El piasèr xe un farmaco, che fa desmentegare tutti i mali…
Barone : Violèta, voi me fasè giràr la testa…. ogni volta che ve vedo, gò el stomego sotosòra. La lingua me se seca… la testa la xe vòda…
Violèta : Barone, ascoltè cosa la ve dise Violèta : a la matina, una purghèta, e tùto passerà.
Tutti : ah, ah , ah, ah…
In quela entra Gastone di Letorieres ( madòna che nome…) e Alfredo Germont
Gastone : Questo xe quel giovane, cara Violeta amata, de cui ve gò parlà…. el xe un caro amico, come pochi altri …
Violèta : Caro Gastoncìn, grassie davèro de un regalo cussì importante…
Marchese : Alfredo, che sorpresa… cossa te fai da ‘ste parti?
Alfredo : Mi no volevo vegnìr… lo savè che son timido… ma quel’ostrega de Gastone el ga tanto insistìo…
Marchese : Va là, insemenìo, che i lo sa tutti che Violèta la te piase… e ti te ghe piasi a ela… Datte da far… no sta far come un mio amico gà fato con la Marimba, che a forsa de spetar, la xe andada de mal…
Alfredo : Chi xela la Marimba..?
Marchese : Una donna bellissima… ’sto mio amico el xera tanto inamorà, che el ghe gà cantà una serenata, tute le sere, per quarant’anni… poi ela ( e anca lù ) i xe diventài veci, e no se gà fatò più niente…
Alfredo : Che serenata cantavelo, ‘sto uno?
Marchese : “Marimba, ti xe la più amata….
Marimba, ti xe la più ambita…
quando te me vardi, con quei oci tondi,
el cuore me se ferma, e ti te me confondi…
Marimba, ti xe la più amata….
Marimba, ti xe la più ambita,
Marimb’ amata… Marimb’ ambita…”
Alfredo : Gavè sempre vogia de schersàr….
Gastone ( a Violèta ) : Alfredo el pensa sempre a voi… nol fa altro che pensarve… note e giorno, giorno e note…
Violèta : Xe per quèlo che ‘l porta i ociai ? Ah, ah, ah…
Gastone : Che crudele… el me dimanda sempre de voi..
Violèta : Basta cussì… mi non son niente per lù..
Gastone : Xe la verità, ve digo…
Violèta ( a Alfredo ) : La verità? Davero?
Alfredo : Si… xe vero….
Violèta : (Ghe mancava anche questa ) …Grassie bel giòvine… ( al Barone Dupalle ) Anche voi, Barone, sì inamorà de mi ?
Barone : Inamorà… che parola grossa… ve conosso da cussì poco… solo un anno….
Violèta : Si, ma Alfredo da qualche minuto, ma el xe già còto …
Flora ( al Barone ) : Tàser no costa niente… povero giovane…
Barone : Quel’Alfredo el me sta sui maroni…
Flora : Non de più che certi Baroni…. A mi el me sta simpatico…
Gastone ( a Alfredo ) E ti ? Ti sito incantà?
Marchese : Xe Violèta che lo deve svejare…
Violèta : Mi? No saverìa come… comunque non qua, davanti de tutti…
Alfredo : Anche mi… son timido… non so cossa dir… son imbarassà…
Gastone : Dai Barone, visto che gavè lancià el sasso… un’ode da voi per la nostra Violèta… (El Barone rifiuta sdegnato) alora ti, Alfredo…
Alfredo : Mi? Ma no, non saveria… no gò l’estro stasera… no gò l’ispirassiòn… no gò…
Gastone : E no sta dir tutto quel che no ti gà… di quel che ti gà, che fasemo prima…
Alfredo ( A Violèta ): A voi, ve anderia ben..?
Violèta : Per mi va tuto ben… basta goder …
Alfredo : Alòra son pronto…

Marchese : Alòra, ocio che Alfredo parte….
Tutti : Si… ocio a chi canta, e sòto a chi tòca…

Alfredo : Chi non beve con mi, peste lo colga…
Violèta : Ala facia del brindisi e dela poesia… xe mejo che ne imbriaghemo…..
Gastone ( a Alfredo ) : Ma se ti savevi che te fasèvo cantar… te podevi prepararte ….
Alfredo : Te gò dito che son timido… no me xe vegnù fòra niente de mejo….
Gastone : Alòra xera mejo se te tasevi e te disevi “cin cin”…
Alfredo ( Alzando el bicèr ) : Cin cin…
Tutti : Ma va a remengo, insemenìo….
Violèta : E dopo sto invito, xe mejo che se balla… andemo in giardìn, e i camerieri i porterà altro vin…
Tutti : Sì, andemo de fora, de far do salti non vedemo più l’ora…
Violèta : Andèmo allora…
La se invia coi altri per andare in giardìn, ma sul più bel, la diventa pàlida …
Tutti : Cossa ti gà, putèa… ti gà la tremarèa….
Violèta : Niente… niente… xe solo un atimo de fadiga… anche nel piacere ghe xe impegno… andèmo fora. (La se ferma de novo) ohimè…..devo sentàrme….
Alfredo : Cossa gavìo? Sio sofferente..?
Violèta : Xe solo un tremito… no ste a preocuparve… andè fora che vegno subito…
Tutti : Va benòn… ti xe sicura ?
Violèta : Andè… ( la se varda al specio..) : Madòna che palida…. ( la vede Alfredo ) cossa fasè voi qua?
Alfredo : Cessi l’affanno… cessi… cessi… cessi….
Violèta : No gò bisogno de cessi…  ( se te savessi…)  ma no vedevo l’ora de star da sola per…
Alfredo : Sola? No, giamai… mi starò al vostro fianco… sarò vostro sostegno… sarò quel che ve sorège…
Violèta : A dir el vero, no gò bisogno… vorìa sol che voi sparissi…
Alfredo : Cossa ve gò fatto ? Xe vero, son stà maldestro… el brindisi el xera da censura… però mi ve amo…
Violèta : E da quanto xe che me amè?
Alfredo : Da un anno, circa, più o meno…
Violèta : Alòra, visto che xe da un anno che spetè, podè lassarme sola cinque minuti?
Alfredo : Non ve lasserò sola mai più!
Violèta : Sentì, babèo, mi gò la pasiensa de Giobe, ma go un bisogno estremo de solitudine…
Alfredo : Alòra ve obedisco… parto… addio…
Violèta : Addio…
Alfredo : Addio…
Violèta : Gò capìo…
Alfredo : Gnanca un baso?
Violèta : Mejo che tàso…. el vaga siòr… xe tardi…
Alfredo ( el se alontana) :…. Addio… ( el va fora )
Violèta : El xe andà… xera ora… no xe stà una bèla idea, quela de magnare verze e fasòi stasera… gò un brontolamento de pansa, che non podevo “esplicar” davanti a tutti….
Xe strano… xe strano… posso alzarme senza timor… xe passà el dolor….
Tra poco posso moverme, davvero non me lagno…
se fago in tempo ancora, a andar là in fondo, al bagno…
le verze con le codeghe le me fa andar for matta,
e gò fatto fòra ‘na pignatta…
Ma poi la pena la xe questa… e me tocca soffrìr…
Ma cossa posso farghe… mi son na golosona…
e po’ nessuno sa, che son na petolòna…
e cossa posso farghe, se gò magnà e adesso,
me passerò un’ora, serrada dentro al cesso…”
Alfredo ( Dal de fòra ) : Violèta dolce, eterea, ricordete de mi… Mi son Alfredo il giovine inamorà de ti.

Violèta : Poarèto quanta pena, sto giovane el me fa… xe inamorà de mi, ma se vede che nol me conosse… xe mejo farme un vestìo che mantegnerme… Follie… follie… come posso pensar che un giovane borghese, el possa amarme a mi, Violèta la Francese? Madòna, un altro crampo, de mi gà ciapà possesso… stavolta no ghe scampo… devo correr proprio al…. ODDIIIOOOOOOOO…..

Fine primo atto

Atto Secondo… ( e no sta dir monade…)

Casa de campagna, vicino a Parigi. Salottino giardinato co un tavolo e una carèga.
Nel fondo ghe xe un camìn ( spento ) e sora al camìn un orologio e un spècio con la cornice de argento.
Al pian de sòra ghe xe do porte dirimpettaie. Tavolin e carèghe, e roba per scrivere…

Alfredo ( de ritorno dalla caccia.) : Violèta… Violèta… in dove sito? Varda quandi osèi…
( el depone la cacciagione…..) No la ghe xe… Ah, lontan da ela no posso star.
Xe passae già tre lune ( ma quanto tempo saralo in dì..? Tre setimane…? Femo finta… )
da quando che ela la gà molà i so amici, le sò abitudini… e tuto questo per star con mi.
Xe sta una fortuna per mi incontrarla quela sera… se vede che la xera ben disposta.
Anca mi son ben disposto…  vicino a ela me sento rinascere… non come tuti i giorni,
tra il non far niente, e il manco… Il so amore el me rigenera… altro che bale…
Ghe basta un sorìso per calmare il mio ardore… la me gà portà in un’altra dimensione.
Non la gà vissi, anzi… ogni tanto, poarèta la sta mal, la impallidisse, e la còre in bagno
per non farme veder che la sta mal.
Ma cò la vien fòra, la xe più tranquila e rilassada…
Xe davero un’altra vita… un paradiso….
( entra Annina ) Annina… da indove che ti vien?
Annina : Da Parigi
Alfredo : E cosa ti xe andada a fare a Parigi?
Annina : Me lo gà ordinà la siòra… gò comprà i… bagigi…. e po’ a far…
Alfredo : A far che?
Annina : Una commission…
Alfredo : Insòma, gò da cavarte le parole de bocca con le tenaje? Cossa ti ga fatto a Parigi.
Annina : Son andà a vendere cavài, carozze, e quel che resta da vendere per tirar su schei…
Alfredo : Cossa ti disi, mònega…? Come a tirar su schei?
Annina : A stare qua e farse mantegnere, mio caro siòr, se spende tanti schei, e i schei xe de la mia paròna…
Alfredo : Ma perchè non ti me gà dito niente, insemenìa?
Annina : Me xe sta ordinà de taser…
Alfredo : Ordinà? De cossa gala bisogno adesso?
Annina : Mille Luigi…
Alfredo : Madona… mille omeni in un sol colpo… ma questa la xe fame nera…. e mi che pensava de bastarghe!
Annina : I Luigi i xe schei, siòr…
Alfredo : Schei ? Ah, sì, xe vera…..Va via, adesso… mi vago a Parigi, dighe che torno stasera… forse fago in tempo a farghe cambiare idea… Oh madona… cossa gò combinà ? Me son fatto mentegnere da una fèmena per tuto ’sto tempo…
No xe possibile… ma riparerò al danno… vago a ciapàr un po’ de schei, e a rendergheli a Violèta…
Parto, addio…ah, ma a chi lo digo?  Son da solo….
El va fora….( applausi del publico….)

Entra Violèta.

Violèta : Alfredo… Alfredin…? Dove sito? Te scòndito? No sta farme schersi… te sa che son debole de cuore…
Alfredo vien fora, no sta far el mona…
Annina : Xe andà a Parigi cinque minuti fa…
Violèta : E ‘l tornerà?
Annina : Stasera, el me ga dito de dirve… ma….
Violèta : Ma?
Annina : El xera un po’ incazzà… xe andà via de corsa, nol se gà ciapà gnanca la borsa…
Violèta : Xe strano
Annina : El xe andà fora urlando come un matto.
Violèta : Xe strano
Annina : El gà ciapà un caval e el xe scapà de corsa, imprecando contro mi, contro tuti…
Violèta : Xe strano
Annina : Par mi, xe stronso… comunque… ah, a proposito … xe rivà una lettera per voi…
Violèta : Par mi? Grassie… cossa la dirà…? Xe de un omo de affari… tra poco el sarà qua… e mi son tutta spatuzzàda… spèta che me rimetto in sesto… non se sa mai chi che pol essere… ( la vèrze la lettera ) Ah, la xe de Flora… che burlona… La me invita a balàre stasera da ela, ma la me speterà per niente… mi starò qua, cò Alfredo, al caldo… ( vardè che questa, la xe una battuta de prim’ordine…)
Annina : Ghe xe un siòr che el dimanda de voi…
Violèta : Sarà l’omo de affari che aspetto… ( Entra Giuseppe co un vecio, che se varda sempre al specio)
Germonte : Siòra Violèta Valeri?
Violèta : Son mi.
Germonte : Voi non savè chi che son mi?
Violèta : No!
Germonte : Eppure, ne assomejemo, mi e me fiòlo… lu xe un bel toso, ma anche so pàre no xe mal…
Violèta : Che fiòlo? Che pàre? De chi parlè?
Germonte : De Alfredo.
Violèta : Alfredo el gà fiòi?
Germonte : Ma no… mi son el pàre de Alfredo, e lu xe me fiòlo.
Violèta : Ah, voi sè el pàre de Alfredo.
Germonte : Si, de quell’insemenìo che el se rovina, per còrerve drìo…
Violèta : Voi sì en casa mia, siòr, e mi son una fèmena… Permetème de licenziarve, più per voi, che per mi.
Germonte : No xera me intension ofenderve. Ve chiedo scusa. Quel che volevo dir, dato che non sì proprio de primo pelo, ma non poi da buttar via, che invece che con Alfredo, la podria trescar con mi.
Violèta : Cossa? Vecio sporcacciòn… cosa se xelo messo in mente? Mi lo amo, Alfredo.
Germonte : Amarlo… mah…
Violèta : Si lo amo… e xe giusto che voi savè… ( la ghe dà un plico de carte )
Germonte : Oh, madona… ve sì vendùa tutto per lù? Ah, ma perchè il passato el ve accusa..?
Violèta : Mi non gò più passato… Alfredo nol conosse… non sa niente de mi…
Germont : Invece mi so tutto… ma…  quai nobili sentimenti!
Violèta : Xe bel sentirvelo dire…
Germonte : Però basteria poco perchè ritornasse a gàlla certe dicerie sul vostro conto… per questo ve chiedo un sacrificio.
Violèta : Ah, no… tasè… Me domanderessi una cosa impossibile…. me l’aspetavo… xera massa bel…
Germonte : Ma se ve chiedo un sacrificio, ghe xe il motivo… mi gò do fiòi a cui pansar, no Alfredo solo…
Violèta : Dò fiòi?

Germonte : Sì… gò una fiòla, che la se ciama Caterina. No la xe sta gran belessa, ma la gà trovà un moroso. La se doveva sposar con lù. Ma siccome Alfredo el sta con voi, che no gavè una bella reputazione, il moroso de Caterina non la vole sposare più. Poareta la me fiòla… la piange tutto il dì… Vardè… questa la xe la sua immagine…


Violèta : ( Ma mi questa la conosso… la xe “Caterina la calda”, e la lavora in un bordello… ma come dirghelo? No… me sacrificherò per Alfredo. E anche per questa giovane, che la ritrova la retta via… ) e per quanto tempo Alfredo e mi non se doveressimo vedere?
Germonte : Per sempre.
Violèta : Impossibile…
Germonte : Ma ve resteria sempre mi….
Violèta : Vecio sporcaciòn… il fiòlo no, ma il pàre sì?
Germonte : Ma mi no gò più da sposarme con nessuno… son vedovo… e poi, in segreto se se podrìa veder…
Violèta : Degno pàre de tanta fiòla…
Germonte : Come disè?
Violèta : Niente… xe mejo che vaga via, prima che torna Alfredo. Preparo la valigia…
Germonte : A rivederne…
Violèta : Ma no ste dir a Alfredo dove che vago…
Germonte : No ste preocuparve… sarò muto come una tromba… Addio!
Violèta : Addio!

Germonte el va via.

Violèta : Forza e corajo… Annina..?
Annina : Me gavè ciamà?
Violèta : Se ti me gà sentìo, vòl dir de sì…. porta personalmente ’sto biglieto.
Annina la varda l’indirisso, e la ga un moto de sorpresa.
Violeta : Tasi. Và subito. Adesso scrivo a Alfredo una letera de addio….  cosa ghe digo? ( La scrive e po’ la sèra la lettera )..in quella, entra Alfredo…
Afredo : Ciao Violèta…. cossa ti xe drìo far?
Violèta : Niente de bel…
Alfredo : Ma se ti stavi scrivendo… a chi?
Violèta : A ti…
Alfredo : No ghe credo… dame quel foglio.
Violèta : No ghe penso proprio… te lo darò, ma dopo.
Alfredo : Perdòneme… son un po’ preoccupà…
Violèta : Perchè?
Alfredo : So che deve vegnere me pàre… el me gà lassà un biglietto molto severo…
Violèta : ( come fasso a dirghe che el xe sta qua…? Mejo che vago via…)
Alfredo : Ghe farà però piasèr conosserte…
Violèta : No credo proprio…. anzi… gò savùo da…. ( la cerca el primo nome che ghe vien en mente ) Giuseppe che ti gà una sorèa…? No ti me gavevi dito niente…? La se ciàma Caterina…?
Alfredo : Sì, tasi… gò una sorèa, ma no vago fiero … la lavora in un bordello, ma nessun sa niente. La se ciama Caterina, in arte ” la calda”… penso che se mè pàre lo savesse, el moriria de ‘n cocolòn… ma no sta dirme che Giuseppe…..
Violèta : Bè… xe un omo anca Giuseppe… Ben Alfredo… vago a fare la spesa… gò da comprare un po’ de verdura (verze e fasòi… son in astinenza…)
Alfredo : Ma tute ste spese le ne ridurrà sul lastrico…
Violèta : Le xe necessarie… Amami Alfredo, quant’io t’amo.  Addio.

Alfredo : Madòna… che romantica… bastava un baso, tanto te torni, no? Anca mi te vojo ben…  ma no te digo addio… ma arivederci…

Violèta la va fòra

Alfredo : La vive sol per mi… che ora xe? Madona che tardi… me sa che me pàre nol vien più ormai.
Giuseppe : Siòr, siòr… la siòra la xe partia…. la xe saltà su un calesse verso Parigi.
Alfredo : Tàsi puttaniero…. lo so che la xe andà via! La xe andà a far spesa…
Giuseppe ( sorpreso anzichenò ) : ( Puttaniero..? Non capisso.. ) Come la spesa…? La gò fatta mi stamattina… Verze e fasòi, e codeghe a volontà…

Giuseppe el va fora,e entra el commissario

Commissionario : Siòr Alfredo Germonte?
Alfredo : Son mi.
Commissionario : Una siòra su un còcchio del càcchio, a momenti la me ciàpa sotto. La me gà dato sto foglio per voi.
Alfredo: Grassie… Xe de Violèta… perchè son commosso…? Mah, adesso lèzo: “Alfredo… nel momento che te lèzi questo foglio, mi sarò per sempre lontana, per custodir un segreto che te arrecherìa danno. Torno al mio vecio lavoro, anche perchè gò da tirar su un po’ de schei. Cerca de capirme…. Addio.”

El tira un urlo, po’ el se gira e el vede sò pare

Alfredo : Padre…
Germonte : No la xe una donna par ti… la xe partìa… la xe andà via… la xe tornà a fare…
Alfredo : Lo so… la xe corsa dal sò vecio moroso… il Barone Dupalle… ma stavolta lo sfido a duel…
Germonte : Per na femina no val la pena…. pensa a tò sorèla.
Alfredo : Bòna quella… te la raccomando… la xe un rospo traditor..
Germonte : No te permeto… la xe una povera, vergine, e molto giudissiosa.


Alfredo : Ma va in mona anche ti… Adesso vago a Parigi, e li cerco tutti, i mile Luigi… a costo de ciapàrli uno per uno.
Germonte : Chi xeli i mille Luigi…?
Alfredo : Xe i amici de Violèta …  e i clienti de tò fiòla, più un Giuseppe…
Germonte : Cossa ti disi? Povero el mè cuore…
Alfredo : No volevo darte un dispiasèr… ma te lo gò dito sempre… ”varda che no la xe quel che te pensi, tò fiòla…”
Germonte : La mè bambina…
Alfredo : La xe brutta come un rospo… ma i dise che la xe brava… la mejo sulla piassa…
Germonte : Almeno la guadagna ben?
Alfredo : A voia… Con tuti quei Luigi….
Germonte : Senti un po’, Alfredo… ma se ’sto uno de moroso no la vòl sposare… no xe lo stesso? Mettemo Caterina
a lavoràr per noi… almeno i guadagni i resta in famegia… no te pare?
Alfredo : Ma… no so… magari la se vergogna… fa finta de non savèr… no sta dirghe niente… Lassa che la lavora tranquilla
Germonte : Ma come la spende tutti quei schei?
Alfredo : Ah, questo non lo so… ma ti me gà distratto. Adesso corro a Parigi, e còpo i mille Luigi. Po’ vago da mè sorèa e ghe domando se se mettèmo in affari…
Germonte : E Violèta?
Alfredo : Quella la xe mia.  E nessun me la toccherà… ( El va via…)
Germonte ( con intensiòn ) : Nessun? Sito sicuro…? Sta attento al tò papà…

Fine prima parte…

Seconda parte del Secondo atto…tutti i matti i fa i so atti….mi fago i miei, voi fasève i vostri…Gran Salone in casa de Flora Bervoics… in mezzo alla sala ghe xe un gran tavolon con tanta roba da bèare e magnare… un altro tavolo el xe adibìo al gioco delle carte . Quatro siòri i fa do raggi a briscola e ogni tanto i tira un sacramento. Altri do i xe sentai su un divanon grandissimo.
Flora, el Marchese e el Dotore i entra, ciacierando amabilmente tra de lori.

Flora : Che béla festa;  e quanta béla gente… pecà che no xe vegnùa anche Violèta cò Alfredo… mi li gò invitài.  Speremo che i ariva…
Marchese : Allora non savè la novità…. Violèta e Alfredo i xe separài…
Dottore e Flora : Cossa ti disi, macaco… li gavèmo visti ieri e i xera le ritrato dell’amor.
Marchese : Vedrè coi vostri oci: la vegnerà qua con Barone Dupalle.
Flora : La xe tornada dal vecio moroso…
Marchese : Col vecio protetor, voressi dire…  l’unico che non saveva che mestier che la fasèva, el xera proprio Alfredo, poarèto…
Flora : Speremo che non succeda casini in casa mia…
Marchese : Meio non parlar de casini… gò sentio che la sorella de Alfredo…  sì insomma… i me ga dito che la lavora in un bordèl… e che la xe anche brava, malgrado la sia brutta come un rospo.
Flora : Che cosa orribile… Povero Alfredo… ma… la se fa pagar…?
Marchese : Certo che si… la xe una stimatissima professionista, nell’ambito.
Flora : Che tempi… no ghe xe più la gioventù de una volta… adesso no i vòl più fare sacrifici…  ma la guadagna quanto? Tanto?
Marchese : Pare che la ‘riva a guadagnare il doppio del stipendio ed un funzionario delle tasse.
Flora : Al giorno?
Marchese : Al colpo… a botta… insomma, ogni venti minuti ….
Flora : Però…

Mentre che i ciaciera tra de loro, le entra delle dame mascherade da zingare.

Zingare : Eccone qua, semo le zingarelle, de tutte quante, noi semo le più belle…
A tutti i omeni fasèmo girar la testa, ecco perché, andemo a ogni festa…
Legèmo la mano, predìmo passato e futuro,
a ognun che lo vòle,  se ghe dise el destino sicuro…
( a Flora ) Siòra cara, la vostra beltà, la sfuttereste meglio lontan de qua…
( al Marchese ) Caro Marchese, o tutta onestà, o un bel niente,
Voi della siòra, sarè certo cliente….

Flora : Cossa le dise ste scostumate…?
Marchese : Ve assicuro che non lo so…
Flora : Attento Marchese, o i ponti ve taglierò…
Marchese : La me fedeltà l’è certa!
Flora : Non ghe metteria una man sul fogo….
Marchese : (ste brutte betòneghe, la me mania gà descoverta…)

Entra al’impoviso Gastone de Letorieres ( madòna che nome…) e i so amici vestidi da mattadori, cioè da toreri, dato che ghe xe il carneval…

Gastone : Semo i Toreri de la Spagna,
de noi le donne mai non se lagna, ciapèmo il toro per i corni
Perché semo i più fighi dei dintorni
Zingare ( al Marchese ) : Vedè siòr come se fa?
Dovè esser galante, e la dama la cederà.
Marchese : Le dame magre no le me gusta,
me piase la fèmina bella robusta.
Flora : Allora Marchese caro, son mi,
La fèmina giusta che fa per ti…

Entra Violèta sottobràzo al Barone Dupalle, e i va dritti al tavolo da briscola, dove che ghe xe il Marchese, il dottore, Flora che i se ga messi a fare quattro raggi.
Flora : Violèta che sorpresa, ma come mai con un altro accompagnator?
Violèta : Cara Flora, se ti savessi, quanto dolor… son stà obligada….
Barone Dupalle : Non voio sentire un’altra monàda….  quel Germonte giovane xe un mascalzon.  Se qui lo vedo, lo sfiderò a tenzòn.
Flora : Allora, caro Barone, xe ora de affilar la lama: ecco Alfredo, l’onore lo ciama…
Alfredo : Son rivà giusto in tempo, per vedere il rivale, che fa il pavone con la me dona.  Se prima de sera non la sarà mia, ve autorizzo tutti a dirme “ti si mona”.
Barone : Gò pronta la spada per regolare la cosa.  Chi vince la sfida, averà Violèta per morosa.
Violèta : La spada… ohimè, non voio veder sangue… xe meio del’altro.
Marchese ( Indicando il mazzo de carte ) : Il piatto qua langue….
Alfredo : Sì, perché no… de briscola un ràgio podemo anche far… dòmila Luigi xe il piàto.
Barone : Sito màto, così tanti? Beh,  va ben, son d’accordo…  chi smazza?
Flora : Mi… ( ad Alfredo dandoghe il mazzo ) Taja. Tre carte Barone… e Alfredo altre tre…. La briscola xe …..L’asso de denari…. Barone tòca a lù…
Barone : Comincio leggero, perché la me man no xe fortunada: tò il re de bastoni….
Alfredo : Ti fa una monada… qua il tre de bastoni, e xe quatordici i punti che fàgo… e adesso pesco dal mazzo..
Barone : Voria dire, ” che ca…. ” ma non posso… dai butta la carta, Germonte.
Alfredo : Xe l’asso de còpe, lo rischio già adesso.
Barone : Pecà, no go briscole in mano… che fesso…. me toca darte il tre de còpe mi anca …
Alfredo : Ancora un punto e gò fatto la màn franca… qua il tre de denari… gò vinto, orco càn…
Barone : Son fritto, me tocca scapàr…
Alfredo : Gò vinto, Violèta, dai torna con mi…
Violèta : Non posso… a lù son giurata … lo vieta il me onore, lassàre il Barone stasera….
Alfredo : Ah, gò capìo…. ( ciama tutti quanti ) Vegnì tutti qua…. gò da dirve una cosa….
Tutti : Cos’altro ghe xe?
Alfredo : Conossìo questa donna?
Tutti : Sì, Violèta….
Alfredo : Cossa la me gà fatto, lo savìo?
Tutti : No!
Violèta : Tasi, te prego…
Alfredo : No? Allora ascoltè:
tutti i so schei, sta dòna, per el me amor la gà speso,
e mi davvero mona, non me son gnanca offeso.
Ma xera sol proforma, oh quanto me son vergognà…
adesso però gò vinto, e i so schei gò dà.

El ghe tira addosso i domila Luigi… in quel momento entra so pàre, Giorgio Germonte.

Germonte : Disprezzo mai non se deve avere, per le dònne ( pian sottovoce ) e gnanca per i schei… Sito mona a butàr via domila Luigi? Cosa ti pensi, che i sia bagigi? Che vol fadiga a guadagnarli… e ti invece, macchè, buttarli…
Alfredo : Ti gà ragion, mio genitore, butàrli via xe sta un errore… ma adesso in tèra me sbàsso e poi, ’sti domila Luigi, se li tegnemo noi.
Tutti : Vergogna Alfredo… non te te rendi conto…
de qual offesa… ti si un bel tonto…
Violèta soffre… ma ti vigliàco,
te te comporti come un macaco.
Barone Dupalle : Violèta soffre…
Marchese : Violèta soffre…
Gastone : Violèta soffre…
Flora : Violèta s’offre? Me offro anca mi…
Germonte : Se la se offre a gratis, la ciàpo tre volte al dì…
Alfredo : Violèta cara… perdona Alfredo…
la rabia xe grande, e il mal mi vedo,
Lo vedo sempre un po’ dapertutto…
ma sta con mi, perché il Barone xe brutto…
Violèta : Ti gà ragiòn, Alfredo amato,
questo Barone, el me gà stufato…
son pronta caro, a scappar via in tuta frèta…
ma prima ciàpa anche la moneta..
Germonte : E questo si, che il xe parlar….
Barone : No gò capìo…
Flora : Ciapa su anche la tò borsa, e va a farte ciavàr… e vaghe de corsa….
Tutti : Che bel che bello, che a Carnevale, trionfa amore.
Barone : Un par de bàle… a mi la rabbia, a Alfredo amor lo quèrze….
Violèta ( a Alfredo…) : E per festegiàre, andemo subito a comprar le verze….
Cala il sipario…

Fine del secondo atto…e al terzo…

Atto Terzo …

Grande stanzon in casa de Violèta. La luce dela notte la filtra atraverso un finestròn in fondo alla stanza. Un caminetto xe acceso, ma il fògo el sta per spegnerse. Violèta la xe sdraiada in lèto, e la se lamenta de tanto in tanto..

Violèta : Ohimè ohimè… quante sofferenze… sola, perduta abandonada, in questo popoloso deserto che i ciama Parigi… senza gnanca mezzo Luigi… e con la panza che brontola. Ma no dala fame… xe già un mese che son in cura, per un’indigestion co la verdura… che brutta storia, o fioi, l’indigestion de verze e fasòi… ( la sòna una campanella,e apàre Annina.. )
Annina : Comandè siòra?
Violèta : Annina, gheto notissie de Alfredo? Xe un mese che el xe partìo per cercare quel dotòre che pol guarire il me malore…
Annina : No, paròna cara… de Alfredo no se sa un’ostrega. El xe partìo de qua, ma non savemo quando il tornerà… ( te spèti invano, cara paròna…. el xe scapà da ‘na scorezzòna…)
Violetta : Quanti ricordi… quante bèle feste in casa de Flora… e anca questo salone… el xe sta covo e ricetacolo de amanti. E che magnade in compagnia, de luganeghe, de minestroni… e adesso?
Addio al passato, ale patate, e anche al brasato…
addio care verdurine, che allietève tutte le mattine…
Senza le còdeghe, e la soppressa, qua la me vita no xe più la stessa…
e la cassoeula bèla condita, non la farà lieta la vita…
gnanca piu un piatto, adesso vedo, son senza gnente, manca anca Alfredo…
Vuota la panza da trenta dì…. Ah, la speranza tutta fuggì.
( conclude il ricordo co un sibemòle filato….)…

Annina : Siòra, ariva una carozza….
Violèta : El sara lù… fame veder ( no, no go da dir fame…. me vien da svenir..)
Annina : Sè troppo debole, parona cara… restè in t’el letto….
Violèta : Tutto prepara, se lu xe Alfredo, voio sul tetto del cielo andar.
Alfrèdo : Violèta, son qua!
Violèta : Alfredo, ti si rivà… xelo con ti el dottor ?
Alfredo : Ahimè no… quel medico che volea consultar, nol pratica più… el xe rinchiuso in manicomio, ma gò mandà Giuseppe a ciamàr el Dotor Grenvilio…
Violèta : Bòn quèlo… nol sa la differenza tra la purga e l’aspirina…
Alfredo : Non diro così… xe quasi matina, e quel por’omo sarà qua a momenti…
Violèta : Basta che allevia questi tormenti….
go’ i crampi notte e giorno, non so più che cosa far…
gò panza piena d’aria, che me pare de s’ciopàr…
mi no rieso a liberarme, e me par de stofegarme…
faga presto qua a vignire, o me dovrè seppellire…

Alfredo : No sta dir così… ti me fa soffrir…. intanto, cavete la còtola, che te preparemo per la visita..
Violèta : La còtola… non sia mai… nuda non ti me vedrai…
Alfredo : Ma insoma, che storie xele? Son il to amante o no?
Violèta : Comprendi… mi son una putèa all’antica… me vergogno… non vojo spogliarme…
Alfredo : Come ti vol… vago a vedare se arriva el dottor.
Violèta : ( ad Annina sotovòce) Il segreto mio, non dovrà giammai savèr…
Annina : Saria il solo a non saverlo, dato che tutti i sa che l’ …
Alfredo: Ecco Giuseppe che ariva con Grenvilio….
Giuseppe : Xe rivà el dottòr…
Grenvilio : Dove xela l’ ammalata…?
Violèta : Son qua, Grenvilio… che sofferenza…
Grenvilio : Cossa gàla benedèta…
Violèta : Mal de panza… piena d’aria….
Grenvilio : Nessun problema… gò qua un farmaco: (el mette i ociai e il lège l’eticheta)
“xe questo l’odontalgico, mirabile liquore
dei topi e dele cimici possente distruttore”…
ma no xe questo il farmaco giusto…’ speta….
( ghe ne ciàpa un altro ) vedemo
“guarisce timpanitidi e scrofole e rachitidi,
e fino il mal di fegato che in moda diventò “…
sì, questo forse xe un po’ generico, ma dovaria andar bèn….
Tò fiòla, bevine un po’, e in breve avrai giovamento…
Violèta : Ghe ne bevo un litro intero…
Grenvilio : Sito màta? No… se fa così… con riguardo, pian pianino,
la bottiglia un po’ se scuote, poi si stura ma si bada,
che il vapor non se ne vada.
Violèta : Bèn.
Grenvilio : Quindi al labbro, te lo avvicini…
Violèta : Bèn.
Grenvilio : E lo bevi a sorsettini… dopodechè, te devi metterte un tàppo par de drìo, in modo che el farmaco fermenta benon… quando te sarai pronta, te cavi el tàpo, e la pansa la se sgonfia. Capìo?
Violèta : Lassa che bevo…. (la beve sei sorsetti…) Ma questo xe un Elisir….
Grenvilio :Violèta, metti il tàppo…
Violèta : Lo metto sull’istante.
Alfredo : Vuto una man?
Violèta : Birbante… non te perdi un’occasion… (la va a metterse il tàppo)
Giuseppe : Sior, ghe xe delle persone che xe vignu a trovare la paròna…
Alfredo : Falli entrar.

Entra il Marchese Du Bignè, Flora, Gastone di Letorieres ( madona che nome..) il Barone Dupalle… e anca il vecio Germonte

Violèta : Flora, amici che piasèr, vederve in un momento de sofferenza… ma la durerà poco… il dottor el me gà dato un farmaco, che me sgonfierà…
Marchese : Speremo che sia presto… le feste senza de voi non le xe più le stesse…
Barone : E voi Alfredo, me dovè la rivincita a briscola…
Germonte : Fiòlo mio… come ti sta..?
Alfredo : A dir il vero, stavo mejo al primo atto… xero meno stanco, e se savevo che dovevo correre così, mandavo tutto in mona…
Gastone : Speremo in una pronta guarigione…
Violèta : Non manca molto… sento i benefici effetti del farmaco…
Alfredo : Fatte abbracciar, mia amata….
Violèta : No, che la vestaglia la xe…
Tutti : Slacciata….!
La vestaglia de Violèta la casca, e ela la resta nuda.
Alfredo el ga un moto de sgomento, e tutti i lo varda, co un sguardo de compassion.
La sorpresa la xe grande, perché Violèta no xe una donna… la xe…..

Alfredo : Un omo…. Violèta… no sta dirmelo… ti si un omo…..
Violèta : Arrossisco…
Germonte : O madòna… e mi che gò proposto de scappar con mi… ehm… scusème… adesso che me ricordo… gò una fiòla nel bordel che la lavora… vago a vedere come la sta…. (magari me consolo co qualche amica….)

Germonte el scapa de corsa..

Flora : Alfredo caro… varda che lo savevimo tutti… anche mi son un omo…  in realtà me ciamo Remigio… e son geometra in comune… vuto che me spoia?
Alfredo : Per l’amor de Dio… basta una sorpresa alla volta, no…? Ma Barone… voi, eri il so moroso… e ela la xe un lù… cioè, un omo…
Barone : E allora…? Varda che qua, a Paris, tutto è possibile….
Violèta : Sai Alfredo? Gò sentio che a Casablanca i fa delle operazioni…  se ti vol…
Alfredo : Ma ti si un omo….
Marchese : E non le costa gnanca tanto..
Alfredo : Ma ti si un omo….
Gastone : E i fa abbastanza in fretta…un taglio e via, zac…
Alfredo : Ma ti si un omo….
Violèta : Insomma, basta, Alfredo… se ti me a mi, ti me tien come che son…
Alfredo : Son confuso, inebetito… non so cosa dir… non so cossa far.
Barone : Se non ti sa cosa far, lassa che la torna con mi…
Alfredo : Cossa ti disi, mona? Violèta la xe mia… chissene frega se la xe un omo…?
Violèta : Caro Alfredin… aspetta che guarisso… e po’ te vedi…

Fora dal Balcone, sulla strada, un coro ciama Violèta…..
Tutti : “Violèta, Violèta, affaccete alla finestra, volemo saludarte,,
Violèta : I xe i me fans… ghe sarà Riccardo, Arturo, e forse anche Herbert l’austriaco…
Grenvilio : Manca poco alla guarigion… qualche secondo…
Violèta : Me voio affacciare… i voio saludare…
Grenvilio : Aspettè de esser guarita …
Violèta : No, la gioia la xe infinita… la vita ritorna a scorrere in mi… eccome amici….

La apre il finestron e la se sporge sul davanzale. Nel momento che la se cùcia per sporgerse de fora, salta il tàppo dal cul…. parte Violèta for dalla finestra, come un balonzìn de Carnevale, e co un balzo de fora, la vola in cielo, sempre più su… sempre più su…. fino a scomparire nel blu..
Tutti i la segue con lo sguardo, salutandola con la mano…

Tutti : Violèta, Violèta, vola ne cielo… te ne mancherai…
Grenvilio : Il me elisir funziona…. la xe guarìa…
Alfredo : Se xe per quello, la xe anca sparìa… cossa fago adesso?
Barone : Ghe son qua mi ,mio caro….
Alfredo : Va via… ti gai la barba e non te me piasi…
Barone : Te abituerai… fasemo pace? Pax… pax… pax…
Alfredo :Valà becco, tasi… i pacs no i li ga ancora fatti… pòra Violèta… dove ti sì ?
Violèta ( dall’alto ) : In Paradiso…
Alfredo : Vegno anca mi… spètime amore che te raggiungo…
Gastone : Querzete ben che il viaggio el xe lungo….
Alfredo : Giuseppe, fai le valigie che partimo per il paradiso….
Giuseppe : Ma mi, veramente, gaverìa altri impegni…
Alfredo : Sbrighete, go dito, servo malnato…  xe da un atto che te sopporto… e ti xe nadà anca con mia sorèa, puttaniero… movete…
Giuseppe : Eh, no… sciorbole, adesscio bascta… mi scion rotto le balle…
Alfredo : Ma…
Giuseppe : Ma un accidènti… e scion tre atti, che Giuscieppe qua, Giuscieppe la,  e porta questo alla Scignora, e fai qell’altro alla Scignora, e poi ? Non era nemmeno una scignora… era un busòne… Ma adesscio vi scisctemo me….
Alfredo : Cossa ti disi? Ghe linguaggio ti parli?
Giuseppe : Ah, non capisci eh? Mo te lo spiego ben me… adesscio scrivo una bella lettera al Checco Maria, che l’è un poeta veneto, e ci racconto ben bene tuta questa storia … io mi licenscio, e me ne torno a studiare musica a Busseto, che non si sa mai che ne cavo qualcosa di buono. E quando avrò imparato, sciai cosa faccio?
Alfredo : Cossa ti vol fare?
Giuseppe : Mo scrivo ben un’opera lirica su questa storia… avevo già intenscione di farlo nel primo atto, ma poi ho detto “aspetta, magari non è una buona idea…” invece con questi sviluppi, sarà una storia eccesscionale… ho già in mente un titolo…
Alfredo : Immagino : La Traviata…
Giuseppe : Ma che Traviata…. questo è un titolo da roba vecchia, ci vuole roba moderna, roba forte…. la intitolerò la TRANSVIATA …  e sciarà un sciuccessone… ci ho già un tenore adatto al ruolo tuo: si chiama Carletto…. E già me lo vedo… ( el va fora…)
Grenvilio : Che roba… che roba…
Marchese : Eh, non ghe xe più i dipendenti de una volta…
Barone : Davèro… el metterà tutto in musica…
Flora : Saremo sulla bòca de tuti…
Alfredo : Ma no… non ste preocuparve… fideve de mi: quest’opera qua, non la ascolterà mai nessuno… no la gaverà successo… Giuseppe no ga scritto mai una nota in vita sua….

E questo xe vero. Questo Giuseppe qua non gaveva mai scritto una nota in vita sua.
Ma un altro Giuseppe, sempre de Busseto, sempre con un Checco Maria, poeta veneto, gà messo in musica un’opera quasi uguale.. .con qualche differenza…
Ma xe solo piccolezze….
Adesso vago, che gò su una pignàta che boie.
Con codeghe, verze e fasòi…

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

L’opera completa:

Annunci

Responses

  1. un post più corto no, eh?
    😀
    WW

  2. @ W W
    Lo so, sono recidivo…
    Ma avendo dato tanto spazio a Paisiello non potevo lesinare con Verdi.
    E poi ho dovuto rispettare l'integrità del testo tradotto da Fasoli.
    Domani sarò laconico. 
    Ciao : )

  3. Alfredo, Alfredo, di questo core
    Non puoi comprendere tutto l'amore;
    Tu non conosci, che fino a prezzo
    Del tuo disprezzo – provato io l'ho!
    Ma verrà giorno in che il saprai
    Com'io t'amassi confesserai
    Dio dai rimorsi ti salvi allora;…..
    Io spenta ancora…….pur t'amerò…….         

    Buona giornata scudiero                   

  4. Alfredo, Alfredo, di questo core 
    Non puoi comprendere tutto l'amore; 
    Tu non conosci che fino a prezzo 
    Del tuo disprezzo – provato io l'ho! 
    Ma verrà giorno in che il saprai 
    Com'io t'amassi confesserai 
    Dio dai rimorsi ti salvi allora; 
    Io spenta ancora – pur t'amerò. 

    Buona giornata scudiero            

  5. Scusami scudiero ma stamattina i commenti….
    vanno via come il pane  !!!!!          
    Ciao!!!

  6. ehm.. sono sincera e mi sono fermata solo alla lettura del primo atto 
    della traviata però ho alcune vecchie  foto di attori che l'hanno interpretata, trovate in un baule e la trova una bella opera 🙂

    un caro saluto

  7. @ donnaflora
    Scusarti? di cosa? Grazie per il contributo.
    Buona serata!
    Ciao : )

  8. @ albafucens
    La lettura del libretto tradotto in dialetto veneziano è un'operazione blasfema: per purificarsi si devono ascoltare i brani musicali.
    Un caro saluto.
    Ciao : )


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: