Pubblicato da: scudieroJons | gennaio 19, 2010

Socialisti di destra

Sulla Repubblica di oggi Eugenio Scalfari  commenta la lettera aperta del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano alla vedova di Bettino Craxi.

Rifuggendo dalle asprezze di Di Pietro, Scalfari distingue, nel solco di quanto scritto da Napolitano, tra il Craxi statista e continuatore di una politica estera coraggiosa nel bacino del Mediterraneo, e il Craxi che partecipava con funzioni di organizzatore alla diffusa corruzione di Tangentopoli.

Coloro che oggi vorrebbero far passare Craxi per una vittima innocente, sono gli stessi che sono interessati a far passare Berlusconi per un perseguitato dai giudici.

Non riuscendo a difendersi nei processi con i mezzi di cui dispongono i cittadini comuni, Berlusconi usa mezzi da privilegiato: il continuo discredito gettato sulla magistratura per mezzo delle televisioni e dei giornali di sua proprietà e delle televisioni che controlla per averci messo i suoi sgherri, e con leggi che sfidano la costituzione per assicurargli l’impunità dai reati di cui è accusato.

L’omaggio a Craxi gli serve per compensare i servigi che gli stanno rendendo gli strani socialisti di destra che sono passati disinvoltamente da Craxi a Berlusconi, come fanno le pulci.

Un epitaffio feroce e insieme bonario di Craxi lo scrisse Michele Serra alcuni anni fa, in un libercolo che stigmatizzava gli intellettuali e la classe politica italiana, che da allora si è ben poco rinnovata.

 

da “44 Falsi”

di Michele Serra

 

Il Socialismo e l’Europa

di Bettino Craxi

 

Scritto perché è vero

 

Molte persone pensano………………………………………………………………………………

…………………………………che quando parlo………………………..

…………………………………………………………………………………………………………….

…………………………………..io faccio lunghe pause………………………………….perché

sto riflettendo …………………………………………………………………………………………….

……………………………………….con la dovuta attenzione ……………………………………

………………………………………………………..e la ponderata

accortezza………………………………. tipica dei grandi leader ………………………………….

……………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………….su quanto sto per dire ……………………………………………

Fortunatamente ………………………………………………………………….. nessuno si è ancora

accorto …………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………. che quando mi interrompo per qualche istante

…………………………………………………………………………………………..e fisso il vuoto con

espressione profonda ……………………………………………………………………………………..

……………………………………………………………………………………… davanti ai microfoni

del telegiornale …………………………………………………………………………………e davanti

ai taccuini dei giornalisti ………………………………………………………………………………….. …………………………………………………………………………………………………………………

 

…………………………………. e davanti alle telecamere …………………………………………….

 

……………………………. è semplicemente perché ………………………………………………….. ……………………………………non so mai che cazzo dire.

Annunci

Responses

  1. chi lo vuole far passare per vittima è semplicemente un delinquente pari a lui e alla combriccola di pulci.

  2. Forse solo Celentano è in grado di insidiargli il record delle famose pause da quello che io chiamo "pensier sospeso", e che Serra ha definito così leggiadramente.

  3. @ ArtemisiaHate
    Quando il 70% dei cittadini italiani si forma un’opinione per mezzo dei telegiornali è facile passare per vittima, pur essendo a tutti gli effetti un provocatore.
    Ciao : )

  4. @ fardtimes
    La parodia, come ogni tipo di caricatura, si nutre dell’esagerazione.
    Craxi aveva indubbie capacità politiche, ma l’uso che ne ha fatto non è stato il migliore.
    Nel campo delle telecomunicazioni, per esempio, fu giusta la sua scelta di rompere il monopolio RAI, in favore del pluralismo dell’informazione.
    Non altrettando felice la soluzione legislativa adottata, che ha di fatto creato un duopolio, regalando per pochi spiccioli le frequenze a Mediaset, e costringendoci oggi a vivere in un regime mediatico controllato da Berlusconi.
    Ciao : )

  5. Chi ha meno di 30 non può avere nemmeno la pallida idea di che cosa abbia rappresentato il c.d. Craxismo (la Milano da bere, etc.), e mi par di vedere che anche tra noi (che di anni ne abbiamo qualcuno di più) c’è come una sorta di desiderio di rimozione, perchè sono stati brutti momenti, in cui c’era stata la speranza di un possibile cambiamento, cambiamento che però non c’è stato.
    Proprio per questo è utile andare a rivedersi qualcuno di quei filmati, rileggersi i titoli dei giornali e gli articoli di quei giorni e gli anatemi lanciati da molti contro i ladri, che ora diventano santi; e questo lo può fare anche un ventenne, sempre che ne abbia la voglia.
    Certo che quando sento dire "il debito pubblico italiano è troppo alto, per la politica allegra di quegli anni…" senza ricordare che proprio Craxi fu l’iniziatore di quella politica malsana, e la predica viene da chi è stato il primo beneficiario del Craxismo, mi cadono le braccia.
    Non so cosa ci riserverà il futuro, ma i segni di questi anni non sono affatto buoni, caro Scudiero
    Scusa per la lunghezza del testo (spero non averti tediato)

  6. @ emmedieffe80
    non ti preoccupare per la lunghezza. Non si parla mai abbastanza del craxismo e dei danni che ha provocato, e che continuano ad affliggerci ancora oggi, col berlusconismo.
    Mario Chiesa era un dilettante a confronto di Previti e Dell’Utri.
    Ciao : )


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: