Pubblicato da: scudieroJons | dicembre 5, 2016

I sogni finiscono all’alba

notterisveglio

Pubblicato da: scudieroJons | dicembre 4, 2016

Rime amare

poeta2

Chi è il poeta che ha sublimato le proprie sofferenze d’amore in questi versi?

Pubblicato da: scudieroJons | dicembre 2, 2016

Cinema Cult – 30 – C’eravamo tanto amati

cinema30

C’eravamo tanto amati

Pubblicato da: scudieroJons | dicembre 1, 2016

Magnus Carlsen si riconferma campione del mondo

carlsenvince

Vincendo le ultime due partite a tempo ridotto, dopo che le prime due erano terminate in parità, Magnus Carlsen ha vinto lo spareggio sullo sfidante Sergey Karjakin e si è riconfermato campione del mondo di scacchi.

Sembra ieri quando il giovane norvegese volava verso l’India, per andare a battere il campione dell’epoca, Viswanathan Anand, e conquistare il titolo per la prima volta.

Mi ricordo perfettamente quell’evento perché il resoconto di quel viaggio mi fu trasmesso da un’inviata d’eccezione, nel corso di un drammatico reportage.

Non è cambiato niente in tutto questo tempo: Carlsen è sempre il più bravo di tutti e Charlotte Rampling posa per il calendario Pirelli 2017.

Pubblicato da: scudieroJons | dicembre 1, 2016

Dicembre

dic

Carmen

Come l’oceano muta di colore
Quando in una nube carica di tuoni
Avvampa all’improvviso una fulminea luce.
Così il cuore sotto una tempesta cantante
Muta la sua natura, teme di respirare,
E il sangue si getta contro le guance,
E lacrime di felicità soffocano il petto
Quando compare Carmencita.

Aleksandr Blok

Pubblicato da: scudieroJons | novembre 30, 2016

Prodi ha detto “Sì”

Forse Romano Prodi è riuscito a perdonare a Matteo Renzi la pugnalata alla schiena della mancata elezione a Presidente della Repubblica. O forse gli è grato per avergli risparmiato il tipo di vita che è costretto a fare il Presidente Mattarella, tra terremoti, inondazioni e commemorazioni di morti ammazzati. O forse semplicemente non vuole trovarsi dalla stessa parte di D’Alema, che aveva affilato i coltelli e li aveva distribuiti tra i congiurati.

Prodi si è reso conto che nessun personaggio pubblico di primo piano può tornare a fare l’anonimo cittadino che mantiene il riserbo sul proprio voto e sulla propria opinione. Perciò ha confermato quello che si pensava che avrebbe fatto: ha dichiarato che voterà Sì al referendum sulle riforme costituzionali.

Non è un attestato di simpatia per Renzi, né un apprezzamento per alcune riforme, ma è l’incoraggiamento a procedere nella direzione del cambiamento.

Sarebbe meglio avere Prodi al posto di Renzi, ma siccome non si può avere tutto bisogna accontentarsi di quello che si ha.

In questo momento l’alternativa a Renzi è solo l’Accozzaglia.

 

Pubblicato da: scudieroJons | novembre 28, 2016

La tregua

fulton

Nei lussuosi saloni ovattati del Fulton Market, a New York, Magnus Carlsen e Sergey Karjakin, i due più famosi ragazzi prodigio degli scacchi,

hanno stabilito una tacita tregua per la dodicesima e ultima partita del match a tempo regolare. Hanno giocato una partita mediocre, sfacciatamente indirizzata verso la parità, con una lunga serie di cambi di pezzi ancora prima di completare la fase di apertura. Forse erano entrambi stanchi per la fatica degli ultimi giorni, e hanno deciso di rimandare alle partite di spareggio, a tempi ridotti, ogni decisione sulla vittoria finale.

Con tempi di riflessione ridotti, potranno essere più frequenti le piccole inesattezze da entrambe le parti, e speriamo che questo fatto crei le condizioni migliori in cui la fantasia, l’astuzia e l’aggressività dei due giocatori li porti a giocare partite memorabili.

Però senza esagerare. In fin dei conti è solo un gioco…

Pubblicato da: scudieroJons | novembre 26, 2016

C’è da spostare una bambola!

Pubblicato da: scudieroJons | novembre 25, 2016

La rivincita

Dopo la bruciante sconfitta patita all’ottava partita, Magnus Carlsen si è preso la rivincita alla decima partita. Questa volta è toccato allo sfidante, Sergey Karjakin, il compito di tendere la mano in segno di resa, dopo una partita giocata sempre in soggezione, troppo rinunciataria.

snapshot-3

Nemmeno Carlsen ha messo in mostra un gioco scintillante, ma si è limitato a procurare una piccola debolezza nel campo avversario, un’impedonatura, cioè due pedoni messi uno davanti all’altro a seguito di una cattura. Era una debolezza quasi trascurabile, sia per la tecnica  sopraffina di Karjakin, sia perchè i pedoni riuscivano ugualmente a fare massa, ma la loro mobilità è drasticamente diminuita. In seguito, a Carlsen è bastato esercitare una costante pressione sul centro di pedoni dell’avversario per costringerlo a stare sulla difensiva, mentre i suoi pezzi si disponevano nelle posizioni migliori.

carlsen

Una tecnica efficace anche se non appariscente, tanto che un esperto di scacchi, Lawrence Trent, ha commentato: “Carlsen non sta facendo niente, però lo sta facendo molto bene.”

Se nel gioco di un Grande Maestro l’impedonatura è uno svantaggio di poco conto che può essere superato usando molta sapienza tecnica, nel gioco tra dilettanti l’insorgenza di un’impedonatura, specialmente se i pedoni doppiati sono isolati dagli altri pedoni, diventa una grave debolezza, perfino un ostacolo al movimento degli altri pezzi dello stesso colore, come si può vedere nella partita che segue.

Pubblicato da: scudieroJons | novembre 25, 2016

Cinema Cult – 29 – Il fascino discreto della borghesia

cinema29

Il fascino discreto della borghesia

sito alternativo:

(con sottotitoli a richiesta)

 

Older Posts »

Categorie