Pubblicato da: scudieroJons | ottobre 16, 2017

Una lettera da Madrid

indeciso

Annunci
Pubblicato da: scudieroJons | ottobre 16, 2017

Memento sudoku

Per completare il corso di risoluzione del sudoku di quest’anno ho chiesto aiuto al famoso attore danese Mads Mikkelsen, il quale ha risposto con entusiasmo alla mia richiesta.

Per la gioia delle sue ammiratrici, il grande Mads ci offre una sofferta interpretazione del “memento mori” che contiene l’appassionata esortazione a non morire prima di aver imparato a risolvere il sudoku.


Il diagramma che affrontiamo oggi non sembra troppo difficile e infatti subito vediamo il primo numero che può essere inserito nel quadrato in basso a sinistra.


Ma dopo aver inserito il numero 2 ci accorgiamo che non si vedono nuove possibilità di inserire facilmente altri numeri. Bisogna perciò ricorrere a una delle tecniche che ci consentono di trovare la posizione dei numeri più nascosti.


Iniziamo scoprendo dove possono essere situati due numeri, 8 e 9 in due quadrati che presentano la particolarità di avere i quattro angoli già occupati. La nostra ricerca, con la consueta tracciatura che esclude alcune caselle, non ci dà ancora l’esatta posizione dei due numeri, ma ci dice almeno che possono essere in una delle due caselle rimaste libere, che siccome sono allineate possono ugualmente esserci utili per la ricerca di altri numeri. A questo scopo li inseriamo come promemoria.


Infatti traguardando dai numeri 8 già presenti e usando anche i numeri 8 da confermare, riusciamo a inserise nello stesso quadrato un numero 8.

Ma dopo l’inserimento del secondo numero si esauriscono le possibilità più evidenti e bisogna ricorrere al metodo della casella adottata come punto di osservazione.
A seguito di una lunga fase di osservazione troviamo la casella che possiede i requisiti che ci occorrono. Ci posizioniamo perciò nella casella contrassegnata dalla lettera A e da quella posizione osserviamo quali numeri si possono vedere.


Si vedono i numeri 1, 2, 3, 4, 6, 7, 8, 9. Si può affermare che si vede il numero 9 perché dalla casella A sono visibili entrambe le caselle del quadrato in alto a sinistra in una delle quali si trova il numero 9. Non si vede il solo numero 5, e questo ci dice che nella casella A deve essere inserito il numero 5.

Da questo momento in poi il sudoku non presenta altre difficoltà degne di nota e può essere risolto facilmente con il metodo della tracciatura delle case da escludere.

Pubblicato da: scudieroJons | ottobre 15, 2017

Vintage kitsch quasi trash

Pubblicato da: scudieroJons | ottobre 14, 2017

Afrodite Sferomachide

Pubblicato da: scudieroJons | ottobre 13, 2017

Cinema Cult – 75 – Il terzo uomo

IL TERZO UOMO

Pubblicato da: scudieroJons | ottobre 12, 2017

In libreria

Alla disperata ricerca di qualcosa da leggere.

Tabook | animated short film from Studio Pupil on Vimeo.

Pubblicato da: scudieroJons | ottobre 11, 2017

La fiducia

Pubblicato da: scudieroJons | ottobre 10, 2017

Mo’ ti mangio!

timangio2

Pubblicato da: scudieroJons | ottobre 8, 2017

Il sudoku di mare – 2

Ci siamo attardati un po’ troppo nella contemplazione del nostro sudoku e l’alta marea ci ha sorpresi con la soluzione ancora lontana. Ma non riuscirà a fermarci. Dopo aver indossato il nostro scafandro da palombaro, ci immergiamo, alla ricerca della soluzione.
Eravamo arrivati ad attribuire ipotesi di numeri alle caselle contrassegnate dalle lettere B, C, D, E, F, e adesso prendiamo in considerazione le caselle contrassegnate dalle lettere G, H, I, J.


Per trovare i numeri presenti nelle caselle G, H, I, utilizziamo un metodo diverso, che consiste nell’assumere ciascuna casella come punto di osservazione. Ci posizioniamo nella casella G e osserviamo che da questa casella noi possiamo vedere i numeri 1, 2, 3, 5, 6, 7. Non possiamo vedere i numeri 4, 8, 9. Questo significa che nella casella G ci deve essere uno dei tre numeri che non vediamo. Passando all’esame delle caselle H, I, ci accorgiamo che da queste caselle si vedono gli stessi numeri che si vedono dalla casella G. Tutto questo significa che nelle caselle G, H, I, sono nascosti i tre numeri che non si riescono a vedere, ma ancora non ne conosciamo le esatte posizioni. Traducendo le lettere in ipotesi di numeri ci troviamo la seguente situazione:


La visione di questo diagramma ci dice che nella casella J non può esserci né il numero 3 né il numero 8, perché già presenti sulla stessa colonna, e, considerati gli altri numeri presenti nel quadrato in basso a destra, possiamo dire che i numeri 3 ed 8 sono con certezza nelle caselle K, L, anche se non ne conosciamo ancora la posizione precisa. Rimane da assegnare solo il numero 7, che inseriamo perciò nella casella J.


Dopo l’inserimento del numero 7 nella seconda traversa rimangono ancora vuote le caselle M, N, da assegnare ai numeri 2 e 8.

Nella casella N non può essere inserito il numero 8, che già si trova sulla stessa colonna, perciò lo inseriremo nella casella M, e il numero 2 andrà nella casella N.


Passiamo ora all’osservazione deelle caselle O, P. Adottiamo ciascuna casella come punto di osservazione. Constatiamo che dalla casella O si possono vedere i numeri 1, 3, 4, 6, 7, 8, 9, ma non si vedono i numeri 2 e 5. La stessa cosa accade se assumiamo come punto di osservazione la casella P.

Questo prova che nelle caselle O, P sono nascosti i numeri 2 e 5, anche se non ne conosciamo l’esatta posizione.


Con il metodo tradizionale troviamo la posizione del numero 7 nel quadrato in alto a destra.


Dopo aver occupato con 2 e 5 due caselle libere del quadrato centrale è possibile inserire il numero 6, data la presenza di vari numeri 6 nei quadrati limitrofi.


A seguito dell’inserimento del numero 6 si possono assegnare con certezza le caselle della seconda traversa dove il numeri 3 e 6 erano in coppia, e si può inserire il numero 3 sulla ultima traversa in alto.


Prendiamo adesso in considerazione la casella Q.

Posizionandoci su questa casella possiamo constatare che si vedono i numeri 1, 3, 4, 5, 6, 7, 9, realmente presenti sul diagramma e i numeri 2 e 8 inseriti come ipotesi. Ma non è possibile che da una casella si possano vedere tutti i nove numeri, perciò bisogna eliminare uno dei numeri ipotetici, il 2 o l’ 8, che dovrà essere inserito nella casella Q. Ma il 2 non può essere eliminato perché dalla casella Q si vedono tutti e due i numeri 2 ipotizzati nel quadrato centrale. Perciò sarà il numero 8 che si trova accoppiato col 9 sulla nona colonna ad essere eliminato e inserito nella casella Q.


A questo punto del procedimento il diagramma si presenta come un comune sudoku di grado non difficile, e può essere risolto completamente adoperando il semplice metodo tradizionale.

Pubblicato da: scudieroJons | ottobre 6, 2017

Cinema Cult – 74 – Fellini 8 1/2

FELLINI 8 1/2

Older Posts »

Categorie