Pubblicato da: scudieroJons | settembre 22, 2017

Cinema Cult – 72 – Camera con vista

CAMERA CON VISTA

Annunci
Pubblicato da: scudieroJons | settembre 21, 2017

Che domande!

— Ma tesoro, amerai anche il mio cervello, eh?

— Una cosa per volta.

Priscilla Lane a Cary Grant che la bacia con passione, Arsenico e vecchi merletti.

I Love You from Matthijs_Vlot on Vimeo.

Pubblicato da: scudieroJons | settembre 19, 2017

Le Gigginarie

Di Maio contro nessuno. E’ un derby!

da Twitter

Colpito all’ultimo momento da un terribile attacco di spilorceria, il noto capocomico e impresario genovese non è riuscito a ingaggiare un numero sufficiente di grandi attori per mettere in scena un degno spettacolo della successione al suo posto di piccolo duce. Perciò il fez nero, simbolo del comando, se lo disputeranno Giggino Di Maio e sette altre nullità, sette esibizionisti, sette fantasmini, che non hanno nemmeno il pregio di saper imbastire un appello elettorale accattivante. Non votateli.

Pubblicato da: scudieroJons | settembre 18, 2017

Ridere fa bene

Dopo aver girato una scena altamente drammatica, con lancio di coltelli che hanno fatto scoppiare i palloncini a pochi centimetri dal suo viso, questa bella e simpatica attrice avrà bisogno di ridere per dimenticare i momenti di tensione.

Come si chiama l’attore, che è anche suo marito, e che conosce tutti i trucchi per farla ridere?

RIDERE

da

Pubblicato da: scudieroJons | settembre 16, 2017

Al centro del paradiso

Un amico che non vedevo da tanti anni mi ha invitato a fare una gita in macchina. Siccome ero stanco del precedente viaggio mi ha detto: “Jons, fatti un sonnellino. Quando saremo arrivati in paradiso ti sveglierò!”

Adesso eccoci qui che beviamo un caffè al tavolino davanti al bar, e quel cartello ci conferma che ci troviamo proprio al centro del paradiso.

In quale paese ci troviamo?

Pubblicato da: scudieroJons | settembre 15, 2017

Cinema Cult – 71 – La storia infinita

LA STORIA INFINITA

Pubblicato da: scudieroJons | settembre 13, 2017

Vestita di pensieri

Il pensiero non è mai innocente. Proprio perché è senza pietà, perché è aggressione, ci aiuta a far saltare le nostre pastoie.

EMIL CIORAN

L’inconveniente di essere nati

La pensée n’est jamais innocente. C’est parce qu’elle est sans pitié, c’est parce qu’elle est agression, quelle nous aide à faire sauter nos entraves.

EMIL CIORAN

De l’inconvénient d’être né

 

 

Pubblicato da: scudieroJons | settembre 11, 2017

Quelli che criticavano Marino

sindaca

Pubblicato da: scudieroJons | settembre 9, 2017

Amore e Arti marziali

– Pronto?
– Ciao!
– Ciao!
– Ti avevo chiamata prima di cena.
– Ah, sì, ero fuori con la mia famiglia.
– Come va? Stavo pensando a te…
– Dan…
– Sì
– Ho qualcosa da dirti…
– OK. Che cosa c’è?
– E’ venuto il momento che dobbiamo smettere di vederci.
– E’ seccante. Perché dici questo?
– E’ finita. Non potrò mai affrontare i miei genitori.
– Mi stai prendendo in giro? E il tempo che abbiamo passato insieme?
– Non ti apprezzano!
– Ma se a malapena mi conoscono!
– Non cambieranno mai!
– Penso che tu stia precipitando troppo le cose.
– Ho preso la mia decisione. Sono stanca di mentire e sono stanca di sentirmi colpevole per tutto il tempo.
– Aspetta. Sai da quanto tempo stiamo insieme? E tu me lo dici per telefono!
– Semplicemente perché è più facile…
– Non potresti dirmelo personalmente?
– Una volta ho lasciato qualcuno via e-mail, perciò immagino che questo sia un passo avanti.
– Tipico da parte tua. Scegli sempre il modo più semplice.
– E’ meglio. Per me questo non è facile.
– Beh, non voglio che ci lasciamo proprio così.
– Si deve solo rinunciare.
– I tuoi genitori sono veramente antiquati.
– Lo so…
– Nemmeno la mia nonna è vecchio stampo come i tuoi genitori!
– Sì…
– Tu ed io abbiamo sempre avuto in comune gli stessi scherzi, lo stesso linguaggio, la stessa cultura… Voglio dire, perché i tuoi genitori hanno un problema con me?
– Dicono che sei troppo idealista.
– Sì, e così sei anche tu!
– Esattamente. Due artisti non possono stare insieme. Saremmo poveri.
– Non è vero; sto facendo un buon lavoro in questi giorni.
– Beh, più che una questione di denaro è una questione di prestigio sociale.
– Aspetta un secondo, OK? Gli artisti sono stati utilizzati per ottenere tonnellate di prestigio già dai tempi antichi. Erano lassù con gli studiosi dell’antica società cinese.
– Un tempo, forse, ma adesso le cose non vanno così…
– Ma andava così bene tra noi!
– Eh, c’è dell’altro…
– Dell’altro cosa?
– I miei genitori hanno preso accordi con i loro amici.
– C’è qualcuno che ha messo gli occhi su di te?
– E’ un ragazzo figlio di ricchi medici, che è tre anni più grande di me, e loro lo apprezzano molto.
– Dio! Che pena i tuoi genitori, con la loro ossessione per il numero tre!
– Credo anch’io che sia più fortunato del numero quattro.
– Tutto si spiega adesso. Un medico. Voglio dire, quanto sono prevedibili queste situazioni: c’è sempre di mezzo un medico o un avvocato.
– In realtà i miei genitori pensano che farà l’avvocato.
– E così sta accadendo questo?
– Sì…
– E’ spiacevole…
– Sì…
– Ti ricordi come stavamo bene insieme?
– Sì…
– Bene. Avremmo potuto essere qualsiasi cosa. Voglio dire che le nostre vite hanno percorso insieme strade che nessuno aveva mai conosciuto.
– Era davvero un rapporto speciale, ma doveva succedere…
– Sai, questa situazione davvero non ha senso per me. Ci sono due persone che sono fatte l’uno per l’altra, quindi dovrebbe essere semplice, dovrebbe esserci un lieto fine. Non so perché questo deve essere così difficile.
– La vita non ha sempre un lieto fine…
– Secondo me dovresti smettere di guardare quelle telenovele coreane che ti hanno fatto il lavaggio del cervello.
– Hei! A me piacciono le telenovele coreane!
– Oh, cavolo! Ci sono sempre amori impossibili! E’ così deprimente! E poi mettono il Canone di Pachelbel dappertutto.
– E tu sei un fanatico dei film di kung-fu. E’ esattamente la stessa cosa.
– Ma nemmeno per sogno! Almeno quelli tutte le volte si rialzano e combattono.
– Per favore, finiamola. Devi lasciarmi andare.
– OK! OK! In qualsiasi momento.
– Sì…
– Pensi che qualche volta possiamo solo parlare? Voglio dire nel modo in cui abbiamo sempre fatto? Ti ho chiamata perché ho voluto sentire come stavi…
– Sì, OK. Cosa stai facendo adesso?
– Niente di che. Sto solo buttato qui da tanto tempo.
– Vuoi che c’incontriamo, semplicemente per bere qualcosa insieme?
– Sì, mi piacerebbe molto…

Pubblicato da: scudieroJons | settembre 8, 2017

Cinema Cult – 70 – Questa ragazza è di tutti

 Questa ragazza è di tutti

Older Posts »

Categorie